Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Carceri. Migliore: “Paese civile solo se saprà affrontare tema pena”

NAPOLI - "Siamo stati condannati come Paese dalla Corte Europea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2016022602113000212NAPOLI – “Siamo stati condannati come Paese dalla Corte Europea per i trattamenti che erano determinati in particolar modo dal sovraffollamento. Da quando c’e’ stata questa condanna, cioe’ dalla sentenza Torreggiani, ad oggi c’e’ stata una diminuzione costante e strutturale con un’inversione di rapporto tra le persone detenute in carcere e quelle in esecuzione penale esterna. Cio’ e’ stato realizzato grazie ad un’iniziativa legislativa fatta da questo governo, fatta dal ministro Orlando e dal ministero della Giustizia, che ha realizzato un percorso che si avvale, oggi, anche, dell’apporto straordinario degli Stati Generali dell”esecuzione della pena, che e’ stato un lungo e approfondito lavoro su come migliorare la condizione delle carceri e delle esecuzione della pena”. Risponde cosi’ ai giornalisti Gennaro Migliore, sottosegretario di Stato alla Giustizia, al convegno napoletano “Attualita’ di Igino Cappelli -Dagli ”Avanzi della giustizia” agli Stati Generali” in svolgimento a Napoli presso la sede del Consiglio Regionale.

“Ci troviamo dinanzi ad una situazione che riguarda in concreto la civilta’ del nostro Paese”, spiega Migliore. “Se il nostro Paese – continua il sottosegretario – puo’ dirsi civile sara’ solo e soltanto se capace di affrontare il tema della pena secondo i dettami della nostra Costituzione, cioe’ reinserimento e riparazione e l’idea che non ci debba essere solo una pena afflittiva ma che ci debbano essere, come dice la nostra Costituzione, delle pene“.

“Stiamo lavorando – prosegue Migliore – su una popolazione di persone che deve scontare la propria pena, circa 80mila persone, ad una inversione di rapporto tra quelle che sono in carcere e quelle che hanno misure alternative. Le misure alternative non sono i detenuti a piede libero, io ci tengo a dirlo, perche’ il concetto sul quale stiamo lavorando e’ quello esattamente riavere al centro la vittima, i suoi diritti,la possibilita’ che possa essere riparata in un percorso di reinserimento e anche una maggiore sicurezza per i cittadini“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»