Assemblea Osce a Vienna, parlamentari del Titano incontrano quelli di Andorra

SAN MARINO - I parlamentari dei piccoli Stati impegnati nel negoziato con l'Ue intendono avviare un dialogo per
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – I parlamentari dei piccoli Stati impegnati nel negoziato con l’Ue intendono avviare un dialogo per condividere più informazioni possibili in favore della trattativa sull’accordo di associazione. A margine dei lavori a Vienna della riunione invernale dell’Assemblea Parlamentare dell’Osce, conclusa oggi, la delegazione sammarinese, guidata da Oscar Mina, Pdcs, e composta dal consigliere indipendente Denise Bronzetti e da Luca Santolini, C10, ha incontrato la delegazione andorrana su richiesta di quest’ultima.

sds esteri valentini“L’incontro- spiega una nota istituzionale- si è concentrato principalmente sul percorso di integrazione con l’Unione Europea e sullo stato dei negoziati dell’accordo di associazione”. E ancora: “In considerazione dei buoni rapporti esistenti tra i due Paesi, dimostrati anche nel corso della visita del Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Pasquale Valentini, nel Principato di Andorra- prosegue il testo- e dell’esigenza di una maggiore condivisione di informazioni, le delegazioni hanno auspicato la prosecuzione del dialogo in materia, con un possibile confronto parlamentare ad Andorra che veda anche la partecipazione del Principato di Monaco“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»