Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Firenze, rubano il motore alla sedia a rotelle della consigliera comunale

consigliera lega firenze Michela Monaco
La leghista Michela Monaco aveva sistemato la carrozzina nell'auto parcheggiata, ma le hanno sfondato il vetro dell'auto e portato via il dispositivo. Solidarietà dal leader del Carroccio Matteo Salvini, dal sindaco di Firenze Nardella e dal presidente della Toscana Eugenio Giani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – A lei è indispensabile, perché gli permette di muoversi senza fatica e in autonomia. È il motorino che spinge la sua carrozzina, quella della consigliera comunale della Lega, Michela Monaco, rubato a Firenze nella notte da lunedì e domenica. Sistemato nell’auto parcheggiata, le hanno sfondato il vetro della macchina e portato via il prezioso dispositivo. “Un gesto vergognoso, da vigliacchi“, ha scritto ieri su Facebook il leader della Lega Matteo Salvini. “Tutta la mia solidarietà a Michela Monaco, consigliere comunale della Lega a Firenze e ragazza esemplare per impegno e tenacia: un grande abbraccio, siamo tutti con te”. Con post scriptum finale: “Se qualcuno avesse visto qualcosa o avesse informazioni, lo segnali alle autorità. Il motorino si ricompra, ma sarei contento di vedere la faccia di chi può compiere un simile gesto”.

Sull’episodio in giornata è intervenuto anche il sindaco Dario Nardella: “L’ho chiamata esprimendole la solidarietà mia e dell’amministrazione. Chiunque abbia segnalazioni si rivolga ai Carabinieri, che ringrazio per essersi attivati”. E sui social si è fatto sentire anche il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani: “Un fatto ignobile”, scrive. “Un abbraccio Michela, la Toscana è terra di solidarietà e civiltà”.

LEGGI ANCHE: Toscana, Azzolina ringrazia Giani: “Ha messo la scuola al centro”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»