Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Solinas: “Sardegna subito ‘zona gialla’ o faremo ricorso al Tar”

christian solinas
Il governatore della Regione annuncia l'intenzione di "tutelare le ragioni dell'isola in tutte le sedi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Se in queste ore la Sardegna non verrà riclassificata ‘zona gialla’, abbiamo intenzione di tutelare le ragioni dell’isola, e del suo tessuto imprenditoriale, in tutte le sedi. Quindi con un ricorso al Tar, già pronto”. A ribadirlo è il governatore Christian Solinas, parlando con i giornalisti durante l’inaugurazione questa mattina del nuovo Centro donne al San Giovanni di Dio, a Cagliari.

Da quanto emerge, il ministero della Salute potrebbe rivedere questo venerdì la posizione della Sardegna, attualmente in zona arancione anche a causa del superamento della soglia del 30%, di un punto percentuale, dei posti occupati in terapia intensiva dall’11 al 17 gennaio (percentuale poi calata al 24%, secondo l’ultimo rapporto Agenas). La speranza è che l’isola ritorni nella fascia meno restrittiva, ma Solinas fa capire che la decisione da Roma deve giungere immediatamente, o sarà scontro in tribunale: “Abbiamo detto fin dal primo momento che i calcoli adottati sono sbagliati dal nostro punto di vista, non esiste in questo momento un rischio rispetto alle terapie intensive, perché abbiamo posti letto a sufficienza- sottolinea-. E soprattutto i numeri vanno valutati in maniera critica: questo approccio avrebbe consentito al governo di mantenere la classificazione gialla per la Sardegna quando ha preso le sue decisioni. E lo consente ancor di più oggi, visto che gli indicatori sono tutti migliorati”.

Prosegue il presidente della giunta: “Con un indicatore Rt al di sotto di 1, e con un numero di posti in terapia intensiva adeguati, in questo momento specifico in Sardegna non esiste l’emergenza. Non abbiamo voglia di fare contrapposizioni sterili, abbiamo fornito al governo tutte le evidenze di come la Sardegna possa mantenere la zona gialla, ma se non ci sarà il buon senso di accettare questa leale collaborazione, è chiaro che dovremo difenderci in altre sedi”.

I criteri di valutazione, conclude, “hanno bisogno di un’interpretazione applicativa di buon senso: avrei capito se avessimo avuto una criticità elevata, se fossero mancati 20-30 posti letto, ma stiamo parlando di due posti che, forse, mancavano due settimane fa. Con l’inaugurazione dei 30 nuovi posti letto a Sassari, dei 14 al Binaghi, e con tutti gli indicatori che ci dicono che le terapie intensive si stanno liberando, credo che l’interpretazione di quei requisiti sia stata eccessiva”.

LEGGI ANCHE: Sardegna in zona arancione, Solinas non ci sta

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»