Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Veneto sviluppo accetta la sfida: “Complesso produrre il vaccino, noi ci siamo”

vaccino covid
Fabrizio Spagna, presidente della finanziaria regionale, assicura la propria disponibilità a sostenere le imprese intenzionate a produrre vaccini anti-covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Il tema è delicato: stiamo cercando di capire perché ci sono dei movimenti ma non è ancora chiaro come si evolva la situazione”. Lo spiega alla ‘Dire’ Fabrizio Spagna, presidente della finanziaria regionale Veneto Sviluppo, che ha assicurato la sua disponibilità a sostenere le imprese venete che sono intenzionate a produrre vaccini anti-Covid. “Stiamo parlando con una serie di soggetti, ma è complesso in termini di rapporti commerciali”, afferma Spagna, ricordando che in ogni caso per poter produrre un vaccino bisognerebbe prima di tutto “verificare la disponiblità da parte dei soggetti che detengono i brevetti” e quindi ottenere una licenza. In questo passaggio, se richiesto, potrebbe intervenire proprio Veneto Sviluppo, che potrebbe facilitare l’interlocuzione. Oltre, ovviamente, a “supportare le operazioni sia con finanziamenti diretti sia attivando canali di finanziamento”.

La finanziaria, tuttavia, non ha competenze specifiche nel campo della produzione di questo tipo di prodotti, pertanto “ci poniamo in un’ottica di ascoltatori, i soggetti che si proporranno ci dovranno spiegare, ad esempio, quanto tempo ci vuole per convertire gli impianti di produzione”, per capire se l’operazione ha senso da un punto di vista economico e “anche per capire di che tipo di supporto c’è bisogno”, continua Spagna.

Sicuramente la produzione del vaccino ha “un potenziale molto elevato“, ma “il tema è restrittivo”. Nel senso che “stiamo vivendo una fase di difficoltà economica enorme a livello di imprese e quando finalmente usciremo da questa pandemia dovremo trovare dei modi per rilanciare l’economia. Noi stiamo già pensando a quello, immaginiamo quali saranno i settori su cui investire per i prossimi 20-30 anni, ed è evidente che quello delle biotech, della ricerca, della sanità, è uno dei settori a cui guardare. Sono ambiti che creano valore oltre a fatto che salvaguardano la salute”, anticipa Spagna. Se arrivare a produrre vaccini in tempi rapidi potrebbe essere insomma complicato, il settore sembra essere strategico per gli investimenti a medio lungo termine. Del resto, “la corsa al vaccino ha rimesso al centro il ruolo della competizione commerciale globale. L’Italia non ha grande capacità di competere rispetto ad altri Paesi e lo stiamo vedendo…”, conclude Spagna.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Il Veneto non è da ‘rosso scuro’, i dati sono fuorvianti”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»