Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Capre da salvare? Ci mette del suo anche Vittorio Sgarbi

Sauro Moretti, candidato con Rinascimento, racconta l'acquisto di "15 balloni di fieno" per mantenere il gregge
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Le capre – un gregge che dopo la confisca alla ‘ndrangheta rischiava di finire al macello- le hanno salvate i Verdi alcuni mesi fa. Ora però mantenerle costa e così anche il movimento di Vittorio Sgarbi ha deciso di dare una mano. In campo scende infatti Sauro Moretti, il forlivese assistente del critico d’arte e candidato per Rinascimento, che “d’accordo con Sgarbi” ha comprato e recapitato alle capre “15 balloni di fieno” che sono stati inviati all’associazione che custodisce il gregge.

La notizia è contenuta in un comunicato della Federazione Verdi di Forlì Cesena. “La capra è un animale immaginifico che a Vittorio e a me piace moltissimo- dichiara Moretti- cosi ho deciso che dovessimo partecipare a questa azione di salvataggio”.

L’intenzione non è quella di fare “gli animalisti”, precisa Moretti, si tratta solo di un “piccolo gesto” legato ad una doverosa “sensibilità che deve essere riservata a tutto ciò che ci circonda”. Un aiuto alle capre, proprio da chi della parola ‘capra’ ha fatto quasi un mantra. Nella nota, i Verdi spiegano che salvare le capre non è stato facile, ma ora la vera sfida è “assicurare alle capre un adeguato quantitativo di fieno per il periodo invernale”.

Moretti non si è tirato indietro, e con il benestare del critico d’arte leader di Rinascimento, ha provveduto all’acquisto e all’invio, appunto, dei balloni di fieno. A due di queste capre, le sue preferite, Moretti ha anche deciso di dare un nome, Capra Teo e Caprone Niko. Nel comunicato ci sono le foto, foto che, assicura Moretti, “d’ora in poi staranno sulla mia scrivania a Rinascimento”.



Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»