Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trump chiede al Guggenheim un’opera di Van Gogh, il museo propone un water d’oro

Si chiama “America” ed è l'irriverente opera dell’artista italiano Maurizio Cattelan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sembrerebbe uno scherzo e invece è successo davvero. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo scorso settembre ha chiesto in prestito al museo Guggenheim la spendida opera d’arte di Van Gogh, “Paesaggio con la neve” per abbellire la Casa Bianca. La richiesta di per sé non ha nulla di eccezionale: anche altri Presidenti, come ad esempio Obama, in passato avevano fatto la stessa cosa. Di eccezionale c’è invece la risposta della curatrice del Guggenheim, Nancy Spector.

Il Guggenheim propone  “America” di Cattelan

Il museo di New York, secondo il Washington Post, avrebbe rifiutato la richiesta del Presidente facendo una controproposta: se Trump avesse voluto avrebbe potuto avere “America” di  Maurizio Cattelan.

L’opera d’arte irriverente dell’artista italiano, conosciuto per essere l’autore anche di “La nona ora” (scultura di Papa Giovanni Paolo II schiacciato da un meteorite) e “Him” (una scultura di Hitler inginocchiato), è un water d’oro massiccio a 18 carati. Il wc è perfettamente funzionante e per circa un anno è stato installato in uno dei bagni del Guggenheim di New York, dove era controllato da un custode.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»