Giovani, Coldiretti: “Un trentenne su tre vive con la paghetta”

La famiglia e' diventata una rete di protezione sociale determinante
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Piu’ di un trentenne italiano su tre (35%) nel 2018 vive con la paghetta dei genitori o dei nonni e altri parenti che sono costretti ad aiutare i giovani fino ad eta’ avanzata”. E’ quanto emerge dalla prima analisi Coldiretti/Ixe’ su ‘I giovani italiani, la vita e il lavoro’, presentata al Salone della creativita’ Made in Italy in occasione della consegna a Roma dei premi per l’innovazione Oscar Green sostenuto da Campagna Amica.

Chi si fa mantenere da mamma e papà

“Ma se si considerano tutti i giovani tra i 18 e i 34 anni, la percentuale di chi e’ costretto a farsi mantenere da mamma e papa’ sale al 55%, piu’ un altro 6% che si ‘affida’ alla pensione dei nonni- spiega Coldiretti- Secondo l’indagine ben il 68% dei giovani italiani vive on famiglia dove cerca pero’ di rendersi utile. Tra quanto abitano con i genitori ben il 77% concorre ai lavori domestici e il 63% fa la spesa”. E allora “non e’ un caso se alla domanda su quale aspetto della vita incida maggiormente sul proprio futuro da 1 a 10 e’ proprio la famiglia ad ottenere il punteggio maggiore (7,9) davanti a relazioni in generale e cultura (entrambe con 7,5)”. E questo “nonostante il fatto che solo meno della meta’ dei giovani dichiara di stare in una famiglia dove le condizioni economiche consentono di vivere agiatamente o serenamente, mentre nelle case di un restante 47% si riescono a pagare appena le spese e in un 5% non bastano nemmeno per l’indispensabile”.

Nell’Europa mediterranea un giovane su quattro è a rischio povertà

Un giovane su quattro e’ a rischio poverta’ nell’Europa mediterranea secondo lo studio presentato dal Fondo monetario internazionale (Fmi) a Davos dal quale emerge che ai giovani tra i 16 e i 34 anni fa capo appena il 5% della ricchezza netta dell’Unione. “La famiglia e’ diventata una rete di protezione sociale determinante che opera come fornitore di servizi e tutele per i membri che ne hanno bisogno- dice il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo- la struttura della famiglia italiana in generale, e di quella agricola in particolare, considerata in passato superata, si e’ invece dimostrata, nei fatti, fondamentale per non far sprofondare nelle difficolta’ moltissimi cittadini”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»