Autismo, in Cina ricerche su scimmie geneticamente modificate

L’esperimento ha previsto l’inserimento, tramite virus inattivo nel Dna delle scimmie, del gene umano MeCP2 associato ai comportamenti tipici dell'autismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Modificare geneticamente le scimmie per rendere il loro comportamento simile a quello di un soggetto autistico. Parte da qui l’ultimo ritrovato dell’Istituto di neuroscienze dell’Accademia cinese delle Scienze di Shanghai, determinata a trovare nuove possibili risposte terapeutiche alla sindrome autistica. La ricerca è stata pubblicata ieri sulla rivista Nature.

scimmia

L’esperimento ha previsto l’inserimento, tramite un virus inattivo nel Dna delle scimmie, del gene umano MeCP2 associato ai comportamenti tipici dell’autismo. È stato poi dimostrato che tale gene viene trasmesso dalle scimmie ai loro cuccioli. In sostanza gli animali che hanno subito suddetta mutazione genetica sono diventati più stressati e hanno manifestato un comportamento maggiormente difensivo, grugnendo di più se guardate dalle persone. “I comportamenti di queste scimmie sono risultati molto simili a quelli dei soggetti autistici: ripetitivi, ansiosi e, soprattutto, hanno mostrato difficoltà nell’aria delle interazioni sociali”, ha affermato Zilong Qiu, uno dei responsabili della ricerca. Il team sta cercando adesso di identificare negli animali qual è il deficit responsabile dell’autismo nei circuiti del cervello.

di Rachele Bombace, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»