Colloquio Papa-Rouhani: nucleare e pace al centro dell’incontro

Durante i cordiali colloqui "si sono evidenziati i valori spirituali comuni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Foto Agenzia Sir da Twitter
Foto Agenzia Sir da Twitter

ROMA – “Oggi, nel Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza Hassan Rouhani, Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, che ha incontrato successivamente l’Em.mo Segretario di Stato, Card. Pietro Parolin, accompagnato dall’Ecc.mo Segretario per i Rapporti con gli Stati, Mons. Paul Gallagher”. E’ quanto si legge nel comunciato della Santa sede.

“Durante i cordiali colloqui, si sono evidenziati i valori spirituali comuni e si e’ poi fatto riferimento al buono stato dei rapporti tra la Santa Sede e la Repubblica Islamica dell’Iran, alla vita della Chiesa nel Paese e all’azione della Santa Sede in favore della promozione della dignita’ della persona umana e della liberta’ religiosa. Ci si e’ poi soffermati sulla conclusione e l’applicazione dell’Accordo sul Nucleare e si e’ rilevato l’importante ruolo che l’Iran e’ chiamato a svolgere, insieme ad altri Paesi della Regione, per promuovere adeguate soluzioni politiche alle problematiche che affliggono il Medio Oriente, contrastando la diffusione del terrorismo e il traffico di armi. Al riguardo, e’ stata ricordata l’importanza del dialogo interreligioso e la responsabilita’ delle comunita’ religiose nella promozione della riconciliazione, della tolleranza e della pace”. La foto allegata è stata pubblicata su Twitter dall’Agenzia Sir.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»