Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Unioni civili, Zanda: “Nel gruppo Pd al Senato unanime la decisione di fare la legge”

ROMA - E' iniziata in Senato la riunione del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

luigi zandaROMA – E’ iniziata in Senato la riunione del Pd sulle unioni civili che si concludera’ con un voto del gruppo sulla linea indicata da Luigi Zanda: si” all”impianto del ddl Cirinna” con liberta” di coscienza sull”articolo 5, che contiene il nodo delle adozioni. Aprendo i lavori Zanda ha spiegato ai suoi senatori che si profila un accordo con Lega, Forza Italia e Ap per il ritiro degli emendamenti. Zanda ha detto: “Ieri pomeriggio ci sono stati ripetuti contatti con i capigruppo Paolo Romani, Renato Schifani e Gian Marco Centinaio e si sta profilando molto consistente la riduzione degli emendamenti che da 6 mila potrebbero diventare poche centinaia. Questa possibilita” e” un”ottima notizia, anche politica. Tutti riconoscono l”importanza e la delicatezza del tema”

“Nel gruppo del Pd al Senato- spiega Zanda-, e’ unanime la volonta” di fare la legge. La volonta” politica finale e” unanime anche se ci sono nodi da sciogliere”, come l”articolo 5 sulla stepchild adoption.

“Vorrei fare un richiamo a tutti noi al rispetto delle posizioni di ciascuno di noi. A volte in passato non c”e” stato, e puo” essere comprensibile perche” il tema e” di enorme portata. Ma ora siamo a un passo dall”approvazione e dobbiamo stare attenti anche alle parole. Nulla giustifica la mancanza di rispetto. Ognuno ha le proprie posizioni personali ma non facciamo correnti”, dice il capogruppo Zanda, parlando all”assemblea Dem sulle unioni civili. “E” molto artificiosa e molto falsa- aggiunge- la rappresentazione laici cattolici. Non esiste”.

“Il gruppo deve avere una linea. Noi oggi, al termine dell”assemblea, voteremo l’impianto della legge sapendo che ci sara” indicazione dei voti su alcuni emendamenti e altri su cui ci sara’ liberta’ di coscienza e lo sapremo quando conosceremo tutti gli emendamenti, anche quelli degli altri gruppi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»