Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al ministero dell’Istruzione un flash mob per dire no alla violenza sulle donne

FLASHMOB_VIOLENZA-DONNE
Bianchi: "Opporsi alla violenza contro le donne vuol dire opporsi a qualsiasi discriminazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Un canto sofferto, che esprime il grido di aiuto delle tante donne vittime di violenza, ma che incarna anche la speranza di cambiamento espressa dalle nuove generazioni. Vestiti di nero, con sciarpe e mascherine rosse, i ragazzi e le ragazze dell’istituto cine-tv ‘Roberto Rossellini’ di Roma, hanno voluto celebrare così la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, con un flash mob sulle scalinate del ministero dell’istruzione che ha coinvolto anche docenti e famiglie.

LEGGI ANCHE: Un murale di Laika contro la violenza sulle donne: ‘Ogni tre giorni’

Questa mattina anche il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi ha voluto salutare i giovani. “Opporsi in ogni modo alla violenza contro le donne vuol dire opporsi a qualsiasi discriminazione”, ha commentato Bianchi, che ha definito la loro azione “un gesto di democrazia vera, concreta, che parte dalla scuola”. Il ministro ha incontrato anche i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato al concorso nazionale ‘Il nuovo Codice Rosso – prevenzione e contrasto alla violenza di genere’, promosso dal ministero dell’Istruzione e dal ministero della Giustizia, e visitato con loro la mostra allestita con alcuni dei lavori realizzati dai partecipanti.

LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne, Mattarella: “Numeri intollerabili, è fallimento società”

Anche il personale amministrativo del ministero, inoltre, parteciperà alla giornata indossando fiocchi rossi, come ha fatto lo stesso ministro. Tutte le scuole nei giorni scorsi, sono state invitate a prendere parte attivamente alla Giornata, attraverso opere grafiche, video, foto, flash-mob, dibattiti. Tutte le iniziative potranno essere condivise sui social, taggando i profili social del Ministero, usando gli hashtag #25novembre, #giornatacontrolaviolenzasulledonne, #stopallaviolenzasulledonne, #noisiamopari, per unire le voci in un unico ‘no’ alla violenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»