Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

25 novembre, il video Beawarenow contro la violenza di genere

Beawarenow
L'obiettivo è indurre a domandarsi perché oggi in Italia troppe donne sentono il bisogno di nascondere le violenze che subiscono
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un racconto per immagini che vuole dar voce al dramma della violenza di genere. È il video – realizzato e promosso dall’associazione Beawarenow – da oggi online sul sito e sui canali social dell’Associazione www.Beawarenow.eu e sui maxi led di Urban Vision, Digital media company leader nei restauri sponsorizzati (https://vimeo.com/649435868). Nel video si alternano volti di donne a fotogrammi dei segni della violenza lasciati sui loro corpi, lo spettatore non può collegare un volto a un corpo: forse ne sarà disorientato, ma l’obiettivo è quello scatenare l’interrogativo del perché oggi in Italia troppe donne sentono il bisogno di nascondere le violenze che subiscono.

I numeri, spiega l’associazione nella nota, che scorrono nel video sono quelli di una guerra, certificati in modo spietato dall’Istat: in Italia il 31,5% delle 16-70enni (6 milioni 788 mila) ha subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale. E le forme più gravi di violenza sono esercitate da partner, parenti o amici. Le donne vittime di omicidio volontario nell’anno 2019 in Italia sono state 111, quasi una ogni tre giorni.

LEGGI ANCHE: Un murale di Laika contro la violenza sulle donne: ‘Ogni tre giorni’

Eppure la violenza di genere è una realtà ancora sommersa: troppo poche le denunce, inadeguata la reazione. “Beawarenow affronta il tema della violenza di genere realizzando progetti sul campo, campagne di informazione e sensibilizzazione pubblica attraverso l’arte partecipativa, coinvolgendo soprattutto le studentesse e gli studenti delle scuole e delle Università italiane e straniere. L’arte in tutte le sue forme per contribuire a creare una cultura del rispetto, costruire una cittadinanza attiva e promuovere comportamenti responsabili- spiega Micaela Berretti, Presidente di Beawarenow- E in questa particolare occasione ci piace citare Margaret Eleonor Atwood: ‘Gli uomini hanno paura che le donne ridano di loro. Le donne hanno paura che gli uomini le uccidano”. 

LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne, Mattarella: “Numeri intollerabili, è fallimento società”

Il video di Beawarenow verrà trasmesso da Urban Vision all’interno del proprio palinsesto editoriale, dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne. I maxi schermi della media company sono posizionati nelle seguenti location. A Milano: Alzaia Naviglio Grande 26, Largo Cairoli, Piazza San Babila, Corso Vittorio Emanuele II 9, Ripa di Porta Ticinese 37, Corso Vittorio Emanuele II – Galleria del Corso 2. A Roma: Lungotevere Marzio (accanto al Museo dell’Ara Pacis), Piazza Navona (angolo Via dell’Anima, Largo di Torre Argentina, Piazza Cavour (Chiesa Valdese), Lungotevere degli Altoviti (altezza Castel Sant’Angelo), Viale Trastevere 343 (Stazione Trastevere), Via del Corso 437. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»