Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Violenza donne, ok all’unanimità al Senato al ddl statistiche

consiglio ministri
Ora passa alla Camera. Valente: "Colma una mancanza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Senato approva all’unanimità il ddl statistiche sulla violenza di genere: 243 favorevoli, nessun astenuto e nessun contrario. Il disegno di legge passa ora alla Camera.

VALENTE: “BENE DDL, INDAGA IL SOMMERSO”

Per contrastare davvero la violenza sulle donne “bisogna conoscere il fenomeno, ma in Italia non abbiamo dati. Non darò numeri dunque perché non li ho, una cosa sono 90 femminicidi e una cosa sono 70. Ci sono venti storie di differenza di mezzo”, ha dichiarato la senatrice del Pd Valeria Valente, presidente della Commissione di inchiesta sul femminicidio, in Aula durante le dichiarazioni di voto ddl statistiche sulla violenza di genere contro le donne.

Il ddl “interviene su questo e chiede di indagare il sommerso”, aggiunge la senatrice che contesta l’assenza di “indignazione corale” dopo le parole di Feltri ieri su Libero a proposito del caso Genovese. “Il modello patriarcale è ancora fortemente vivo- aggiunge- quando le donne possono avere una vita pubblica e sociale solo attraverso due scelte: si omologano agli uomini, oppure devono fare tripli salti mortali per far conciliare responsabilità familiare e pubblica”, termina la presidente della Commissione di inchiesta sul femminicidio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»