Tg Politico Parlamentare, edizione del 25 novembre 2020

Ecco i titoli dell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, ARRIVA IL PIANO VACCINI

Spostamenti tra regioni solo per raggiungere i parenti stretti, negozi aperti fino alle 22 e coprifuoco posticipato a mezzanotte. Sono alcune delle norme a cui sta lavorando il governo in vista del Dpcm del 4 dicembre. La curva dei contagi rallenta ed è probabile un allentamento delle restrizioni anti Covid per Natale. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, però resta prudente e annuncia che mercoledì prossimo presenterà in Parlamento il piano vaccini. Sulle regole per le festività è intervenuto anche il premier Giuseppe Conte. L’esecutivo nei prossimi giorni definira’ un pacchetto di misure sulle occasioni di socialità nel periodo natalizio. Sara’ possibile andare all’estero ma al ritorno bisognera’ sottoporsi a controlli sanitari.

CONTE DRIBBLA IL MES: LE RISORSE CI SARANNO 

Le risorse per il piano sanitario ci saranno, sia che l’Italia ricorra al Mes, sia che decida di avvalersi di altri strumenti di finanziamento. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte sceglie la platea del vertice bilaterale Italia-Spagna per chiarire che il governo non cadra’ sul meccanismo europeo di stabilita’. L’Italia chiede all’Europa una mutualizzazione del debito piu’ strutturata, precisa Conte al fianco del premier spagnolo Pedro Sanchez. I due leader si dicono convinti che alla fine la minaccia del veto sul bilancio europeo da parte di Polonia e Ungheria finira’ per cadere. Sono troppo alti i rischi connessi a una mancata attuazione degli accordi di luglio sulla risposta congiunta alla pandemia. Su questo terreno Italia e Spagna esprimono la stessa visione strategica, precisa Conte che riferira’ in Parlamento il 9 dicembre, in vista del prossimo decisivo consiglio europeo.

SI FERMA L’EX ILVA, NO AGLI ESUBERI

Va bene l’ingresso dello Stato nella nuova Ilva, ma sono inaccettabili eventuali esuberi. Fiom, Fim e Uilm, nel giorno dello sciopero del gruppo, mandano un messaggio chiaro a governo e azienda che lavorano per rilanciare le acciaierie. Mentre il premier Giuseppe Conte ieri annunciava che sarebbe arrivato ad ore un “accordo con Arcelor Mittal”, la leader della Fiom Francesca Re David vuol vedere un “cronoprogramma preciso con ricadute positive in termini ambientali, industriali e occupazionali”. E domani riprende la trattativa con Federmeccanica sul rinnovo del contratto che si è bloccata sul nodo degli aumenti salariali. “Sarà una trattativa complessa e difficile”, è la previsione delle tute blu.

VIOLENZA DONNE, FICO: REAGIRE COME COMUNITA’

L’intera comunità e’ chiamata a reagire contro la violenza sulle donne. A dirlo il presidente della Camera Roberto Fico, che fa appello a cittadini, associazioni e istituzioni per contrastare un fenomeno inaccettabile. Passi in avanti sono stati compiuti con la ratifica della Convenzione di Istanbul e l’approvazione del Codice Rosso. Ma non basta. ‘Nessuna legge potrà avere successo senza un cambiamento culturale”, spiega Fico. In mattinata il movimento ‘Non una di meno’ ha manifestato davanti a Montecitorio per denunciare che “la pandemia è gravata in gran parte sulle donne’. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte rinnova l’impegno del governo. Palazzo Chigi oggi sarà illuminato di rosso.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»