Covid, Conte: “Per Natale un pacchetto di regole ad hoc”

giuseppe conte
Il premier sta lavorando su nuove restrizioni al di là delle 'colorazioni' regionali: riaprire le scuole è una priorità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Palazzo Chigi si lavora ad una serie di regole da attuare durante le festività natalizie. “Confido che già nei prossimi giorni possiamo definire un pacchetto di misure che, al di là della colorazione delle regioni, consentano di intervenire sulle occasioni di socialità molto intensa natalizia” spiega il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa. “Al di là della colorazione pensiamo che in quel periodo si debbano introdurre maggiori cautele”, aggiunge.

LEGGI ANCHE: Ue, Conte annuncia misure comuni per il Natale. Von Der Leyen: “Da Moderna 160mln di dosi vaccino”

SINERGIA CON LE ISTITUZIONI EUROPEE

“Ho avuto anche dei colloqui con i rappresentanti delle istituzioni europee per cercare di promuovere e ottenere un coordinamento di alcune misure restrittive in particolare per gli impianti sciistici e sulle infrastrutture per le vacanze di Natale. Abbiamo avuto molti positivi riscontri. C’è una comune preoccupazione- spiega il Premier- Se c’è una risposta comune coordinata europea meglio, la auspico e credo sia opportuna”, aggiunge il premier.

LEGGI ANCHE: Conte: “Non saranno consentite vacanze sulla neve, non possiamo ripetere quello che è successo a Ferragosto”

EVITARE DI VARCARE I CONFINI SENZA CONTROLLI

“Ci stiamo premurando di evitare trasferimenti transfrontalieri. Non vogliamo limitarli, ma evitare che se si va all’estero per le vacanze si possa rientrare senza nessun controllo” sanitario, aggiunge Conte.

RAPRIRE LA SCUOLA È UNA PRIORITÀ

“La scuola va riaperta il prima possibile- conclude il premier-. Non appena riporteremo sotto controllo la curva dei contagi torneremo quanto più possibile con la didattica in presenza. Quella è la pienezza di esperienza formativa che vogliamo offrire ai nostri ragazzi”.

LEGGI ANCHE: Niente scrivania, troppa gente in casa: per molti didattica a distanza impossibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»