VIDEO | Violenza donne, la psicologa: “Emergenza Covid occasione per uscire da logica bandi e volontariato”

Lo ha dichiarato alla Dire Liliana D'Acquisto, vicepresidente dell'ordine degli Psicologi della Campania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “L’emergenza sanitaria legata al Covid che sta impegnando tutti, anche a livello istituzionale, ci dà la possibilità, se siamo uniti, di riuscire ad uscire da queste logiche di bandi, di iniziative, che come sappiamo in Campania lasciano da soli operatori che quotidianamente sono in ascolto di storie dolorosissime e, purtroppo, si ritrovano in queste disattenzioni che seguono logiche oggi assolutamente improponibili”. Così alla Dire Liliana D’Acquisto, vicepresidente dell’ordine degli Psicologi della Campania.

“La nostra comunità professionale – prosegue – è unita anche a livello nazionale per individuare tutte le forze, le competenze che abbiamo affinché queste tematiche di violenze strutturali vengano affrontate in modo decisivo andando a rivendicare una legittimità anche di riconoscimento amministrativo”. Per D’Acquisto è inammissibile che ci si siano “donne che lavorano per le donne ancora in una situazione dove dobbiamo parlare di volontariato. Si tratta di colleghe che vengono da anni di sacrifici e di studi e che hanno grandi competenze. Non possiamo ritrovarci – afferma – in una situazione come questa, in un momento in cui per il Covid, anche come donne, ci ritroviamo a gestire lavoro, famiglia. E con ciò tutto quello che sappiamo essere una violenza istituzionale che, per una società civile, è oggi inaccettabile”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»