Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bellanova contro Amazon: “Reprimere gli abusi, disponibili a confronto con le parti”

teresa bellanova
'Il problema non è fare un nuovo decreto, ma è conoscere e insieme combattere queste modalità di esercizio del modo di fare impresa'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Il governo può sicuramente avere attenzione, ascolto. E rispetto alle questioni dei diritti delle persone se c’è un’evasione delle normative che sono state approvate in questo Paese intervenire anche per reprimere quei comportamenti“. Lo afferma alla ‘Dire’ il viceministro allo Sviluppo Economico, Teresa Bellanova, parlando- a margine dei lavori della kermesse renziana alla stazione Leopolda- dello sciopero dei lavoratori del settore logistica di Amazon.

“Dopodiché- aggiunge- c’è un punto che interroga la politica, l’azione di governo e anche la rappresentanza sindacale. Perché se ci troviamo di fronte a persone assunte a tempo indeterminato, ovviamente con tutti i diritti contrattuali e lavoratori assunti a tempo determinato per i quali, però, non si rispettano gli orari il problema non è fare un nuovo decreto, ma è conoscere e insieme combattere queste modalità di esercizio del modo di fare impresa“.

Su questo, avverte, “sono ovviamente disponibile e pronta ad affrontare un confronto con le parti che vorranno su questo misurarsi e chiedere un intervento da parte del governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»