Grave crisi umanitaria in Yemen, “Civili tra due fuochi”

La popolazione e' presa tra due fuochi, quelli delle forze governative e dei ribelli sciiti Houthi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Disperatamente a corto di acqua, cibo, farmaci: sono 200.000 persone, civili, rimaste intrappolate fra i due fronti dei combattimenti in corso a Taez, nel sud-ovest dello Yemen, tra forze governative e ribelli sciiti Houthi. La popolazione e’ presa tra due fuochi: i ribelli Houthi “bloccano le strade d’accesso per l’approvvigionamento e continuano ad impedire la distribuzione di aiuti” ha denunciato Stephen O’Brien, vice segretario delle Nazioni Unite per le questioni umanitarie.

yemen

Quartieri, abitazioni e infrastrutture mediche sono inoltre “continuamente colpiti dal tiro di obici”, ha aggiunto O’Brien, mentre gli ospedali sono sovraccarichi di feriti e mancano di personale. “Malgrado gli sforzi, i convogli restano bloccati ai punti di controllo e l’accesso umanitario e’ molto limitato. Siamo anche molto preoccupati per le informazioni sul dirottamento di forniture umanitarie destinate agli abitanti di Taez” ha detto ancora l’alto rappresentante del Palazzo di Vetro. O’Brien ha definito lo scenario “inaccettabile”, esortando “tutte le parti coinvolte a facilitare la distribuzione degli aiuti e salvare vite”. Il 16 novembre le forze pro-governative hanno lanciato un’offensiva per recuperare Taez e l’omonima provincia. Gli Houthi hanno tagliato parte delle vie d’accesso per impedire ai lealisti di avanzare verso la citta’. (Dire-Misna)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»