Te lo regalo se vieni a prenderlo, successo su Facebook per gli amanti dell’ambiente

Anche Facebook contribuisce alla salute del Pianeta spingendo per la riduzione degli sprechi e dei rifiuti. Un esempio su tutti è quello della pagina 'Te lo regalo se vieni a prenderlo'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

te-lo-regalo-se-vieni-a-prenderloROMA – Anche Facebook contribuisce alla salute del Pianeta spingendo per la riduzione degli sprechi e dei rifiuti. Un esempio su tutti è quello della pagina  ‘Te lo regalo se vieni a prenderlo’ dell’Associazione che si prefigge, tra le altre cose, di “promuovere e rafforzare il benessere personale e sociale del cittadino attraverso i suoi legami nella comunità per favorire lo sviluppo sostenibile in ambiente sociale ed economico; promuovere la collaborazione e la stima reciproca all’interno del gruppo, al fine di vanificare ogni forma di opportunismo; Organizzare una rete in cui si regalano, anche e soprattutto a persone svantaggiate, oggetti che possono essere riutilizzati al fine di evitare lo spreco restituendo nuova vita agli oggetti che potrebbero finire nelle discariche”.

Quale migliore occasione per aderire all’iniziativa se non questa della “Settimana europea per la riduzione dei rifiuti”. L’Associazione, nata da un’idea di Salvatore Benvenuto, ha messo in ‘connessione’ oltre 500mila persone, senza contare i diversi gruppi, spesso ‘chiusi’, nati nelle diverse città italiane e non solo.

Scopo principale dei gruppi quello di diffondere la cultura del riciclo e del riutilizzo. Non c’è, infatti, persona che in casa non abbia qualcosa caduto in disuso anche se in buone condizioni e perfettamente funzionante. Dai vestiti agli utensili da giardino, dal servizio di piatti agli attrezzi della palestra, a tutto si può dare nuova vita regalandolo e facendo felice qualcun altro. Basta davvero poco e senza alcun aggravio di costi per il proprio portafoglio e per l’ambiente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»