Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Open Arms, Meloni contro Richard Gere: “Cerca visibilità”. E sui social si scatena l’ironia

meloni_gere
Nell'agosto del 2019 la star di Hollywood era salita sull'imbarcazione della Ong per aiutare i migranti bloccati da giorni al largo del porto di Lampedusa, a seguito del non concesso via libera allo sbarco da parte dell’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fa discutere la testimonianza di Richard Gere al processo contro Matteo Salvini sul caso Open Arms. Per Giorgia Meloni il divo americano è in cerca di visibilità: “Ma quanto può essere credibile una Nazione nella quale si consente a un attore in cerca di visibilità di testimoniare contro un ex Ministro della Repubblica deridendo le nostre Istituzioni? Siamo veramente oltre il limite della decenza”, scrive su twitter.

LEGGI ANCHE: ‘Svolta hollywoodiana’ sul caso Open Arms, Richard Gere testimonierà contro Salvini

Qualche giorno fa era stato il leader della Lega ad ironizzare sul teste: ”Allora noi convochiamo Checco Zalone o Lino Banfi!”. La star hollywoodiana, protagonista di ever green come ‘Pretty woman’ e ‘American gigolò’, nell’agosto del 2019 era salita sulla Open Arms, per aiutare i migranti bloccati da giorni a bordo dell’imbarcazione dell’Ong poco distante dal porto di Lampedusa, a seguito del non concesso via libera allo sbarco da parte dell’allora ministro dell’Interno Salvini. “Ho incontrato persone straordinarie, coraggiose, con storie terribili. Vengono dall’Inferno. Soprattutto le donne, sono state tutte vittime di stupro. Quelle persone sono trattate come oggetti, sono considerate profitto, denaro. Capite cosa significa?”, aveva dichiarato Gere.

Sul processo, alla Festa del Cinema di Roma il fondatore della Ong, Oscar Camps, durante la presentazione del film ‘Mediterraneo’ sulla nascita di ‘Open Arms’ ha dichiarato di aspettarsi ‘giustizia’.  “Crediamo che fu inflitta una sofferenza non necessaria a moltissime persone per molti giorni. Questa sofferenza si sommava a percosse, fame, schiavitù e non era necessaria. Tanto meno per una campagna politica o elettorale”, le sue parole.

LEGGI ANCHE: Alla Festa del Cinema di Roma il film su Open Arms, Camps: “Da processo Salvini speriamo giustizia”

MELONI CONTRO GERE, I COMMENTI SUI SOCIAL

La rete non lascia cadere nel vuoto il commento della leader di Fratelli d’Italia, ed è subito pioggia di tweet a sostegno della star di Hollywood. “Del resto sto Richard Gere prima di Open Arms chi cavolo se lo filava?”, scrive un’utente. ‘Qui Richard Gere cerca visibilità’, cinquetta un secondo, postando una foto di .Ufficiale e gentiluomo’. ‘Certo sta sfruttando la situazione’, aggiunge un terzo allegando una foto di Gere a colloquio con Angela Merkel.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»