Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Continua l’ondata di maltempo nel sud Italia, un morto in Sicilia

MALTEMPO SICILIA
Il corpo dell'uomo, disperso ieri con la moglie, è stato ritrovato in una strada di Scordia, centro del Catanese colpito da un violento nubifragio. Proseguono le ricerche della donna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Una forte ondata di maltempo si sta abbattendo sul sud Italia. Ad essere colpita in modo particolare è stata la Sicilia. Ieri sono stati 400 gli interventi dei Vigili del fuoco in tutta la regione. A Catania maggior parte degli interventi di soccorso hanno riguardato alberi e pali pericolanti, distacchi di intonaci, cornicioni pericolanti e infiltrazioni d’acqua. Le zone maggiormente colpite sono state quelle a sud della città di Catania. Impegnate tutte le squadre del Comando provinciale e dei distaccamenti volontari di Linguaglossa, Vizzini e Maletto. Maltempo anche in Calabria, soprattutto nelle città di Vibo Valentia e Reggio Calabria, dove sono stati 180 gli interventi dei Vigili del fuoco.

DISPERSA UNA COPPIA NEL CATANESE, RITROVATO IL CORPO DEL MARITO

I vigili del fuoco hanno ritrovato il corpo dell’uomo disperso ieri con la moglie in una strada di Scordia, centro del Catanese colpito da un violento nubifragio. Secondo quanto riforniscono i vigili del fuoco. Il corpo del 67enne è stato ritrovato in contrada Leonella. Si tratta di una zona quasi al confine tra Scordia e la cittadina siracusana di Lentini. Secondo i testimoni i due sarebbero scesi dalla loro auto, una Ford Fiesta, venendo sorpresi dalla furia dell’acqua. Proseguono le ricerche della moglie di 65 anni. Il corpo del 67enne è stato ritrovato in contrada Leonella. Si tratta di una zona quasi al confine tra Scordia e la cittadina siracusana di Lentini.

VIGILI DEL FUOCO SALVANO 4 UOMINI IN UN FIUME NEL TRAPANESE 

Quattro uomini sono stati salvati nella serata di ieri dal Nucleo speleo-fluviale dei vigili del fuoco di Trapani dopo essere rimasti intrappolati dal rigonfiamento del fiume caldo che attraversa le terme segestane sul versante del Comune di Castellammare del Golfo. Sul posto anche una squadra di vigili del fuoco proveniente dalla vicina Alcamo. Al termine di due ore di lavoro, rese più difficili dalla forte pioggia e dall’altezza di circa dieci metri rispetto al piano di campagna dove si trovavano i malcapitati, sono stati salvati due uomini di nazionalità tedesca, un ecuadoregno e un italiano che rischiavano di essere travolti dalla furia dell’acqua. Una volta portati in salvo, in stato di ipotermia, i 4 sono stati affidati alle cure mediche del 118.

ESONDA FIUME SIMETO A CATANIA, CHIUSA LA STATALE 194

A causa dell’esondazione del fiume Simeto, la strada statale 194 ‘Ragusana’ è provvisoriamente chiusa al traffico in entrambe le direzioni a Catania. Ne dà notizia l’Anas, che si trova sul posto con le proprie squadre e le forze dell’ordine. Istituite diverse deviazioni del traffico.

CEDE PARAPETTO, CHIUSA STATALE 116 NEL MESSINESE

Chiusa la strada statale 116 ‘Randazzo Capo D’Orlando’ nel Messinese a causa del cedimento del parapetto del ponte Alcantara, nel territorio di Santa Domenica di Vittoria, nel corso delle forti piogge di ieri. Ne dà notizia l’Anas. La strada collega diversi centri d Catanese e del Messinese.

COMMISSARIO COVID MESSINA DISPONE CHIUSURA CENTRI VACCINALI

A causa delle cattive condizioni meteo previste per oggi nella Sicilia orientale, il commissario per l’emergenza Covid-19 di Messina, Alberto Firenze, ha disposto la chiusura di tutti gli hub vaccinali contro il Covid della città dello Stretto e della provincia. Resteranno chiusi quindi: il Centro vaccinale Santo Stefano di Camastra, l’Hub Fiera Messina, l’Hub PalaRescifina di Messina, il Centro vaccinale di Milazzo Parco Corolla, il Centro vaccinale di Patti, il Centro vaccinale di Brolo, il Centro vaccinale di Capo d’Orlando, il Centro vaccinale di Lipari, Villa Ragno a Santa Teresa Riva, e il Centro vaccinale a Taormina.

A CATANIA SCUOLE CHIUSE ANCHE DOMANI

Le scuole domani a Catania resteranno chiuse, così come avvenuto oggi. La decisione è stata preannunciata dal sindaco del capoluogo etneo, Salvo Pogliese, con un post sulla sua pagina Facebook. “Il perdurare delle cattive condizioni metereologiche e l’estensione dell’allerta rossa alla giornata di domani – ha scritto Pogliese – mi inducono a reiterare l’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nel territorio comunale. Le piogge ingenti, che stanno aumentando d’intensità in queste ore, e la quantità di acqua proveniente anche dai Comuni dell’hinterland, gravano sulla nostra città; la protezione civile lavora incessantemente dalla notte scorsa per fare fronte a numerose situazioni di emergenza e sono tantissime le richieste di intervento”.

Da Pogliese un appello ai catanesi: “Rinnovo l’invito a muoversi con i mezzi solo in caso di stretta necessità e ringrazio i cittadini che in queste ore stanno dimostrando un grande senso di responsabilità. Le notizie che provengono da altri Comuni, a volte tragiche, ci devono spingere a fare di tutto perché la popolazione comprenda la difficoltà per il nostro territorio nel fronteggiare eventi atmosferici così violenti e repentini”.

PROSEGUE ALLERTA ROSSA IN SICILIA E CALABRIA

Persiste l’area depressionaria sul Mediterraneo centrale che sta determinando condizioni di tempo perturbato sulle aree meridionali del Paese. Il maltempo insisterà in particolar modo sulla Sicilia, con intensi temporali e venti di burrasca dai quadranti orientali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore seguito dell’avviso di condizioni meteorologiche avverse emesso nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede il persistere di venti di burrasca dai quadranti orientali, con raffiche di burrasca forte, sulla Sicilia, specie sui relativi settori ionici. Saranno possibili mareggiate lungo le coste esposte. Dalla serata di oggi, lunedì 25 ottobre, si prevedono precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia, con fenomeni più frequenti sui settori centro-orientali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Per la giornata di domani, martedì 26 ottobre, è prevista allerta rossa sul versante nord e orientale della Sicilia e su parte della Calabria. È inoltre prevista allerta arancione sulle restanti zone della Sicilia e su settori della Calabria. Allerta gialla prevista su Abruzzo, Basilicata, Molise, su gran parte del Lazio, e settori della Calabria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»