FOTO |Il lupo? Eccolo alle porte di Piacenza, a 8 chilometri dalla città

Due lupi sono stati avvistati nel tratto di strada che collega Vallera a Quartazzola. L'allarme di Confagricoltura: "Non è più solo un problema che riguarda gli agricoltori"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PIACENZA – Il lupo a poco più di otto chilometri dal centro città. Cioè, praticamente “in città”, sintetizza Confagricoltura di Piacenza. E’ infatti alla periferia del Comune emiliano che Matteo Cattivelli, agricoltore di Vallera e componente di giunta di Confagricoltura Piacenza, racconta di aver “avvistato due lupi nel tratto di strada che collega Vallera a Quartazzola”. I due animali sono stati anche immortalati in foto.

A Parma il primo festival per non avere paura del lupo

“Gli abitanti sono particolarmente spaventati, soprattutto i proprietari di animali. Non è più solo un problema che riguarda gli agricoltori, ma della cittadinanza. La fauna selvatica prolifera incontrollatamente e persino i lupi sono ormai alle porte della città”, aggiunge Cattivelli. “Anch’io ho i lupi in azienda- rimarca Filippo Gasparini, presidente di Confagricoltura Piacenza- devo dire che da quando ci sono loro, quantomeno, sono diminuite le presenze di cinghiali”.

Proteggere il bestiame e convivere con il lupo: in Abruzzo arrivano i pastori maremmani

L’episodio dei lupi spinge così Confagricoltura Piacenza a richiamare “ancora una volta l’attenzione delle Istituzioni sui problemi connessi alla proliferazione della fauna selvatica. Ungulati, cervidi e quant’altro stanno provocando danni materiali ed economici alle aziende e alla popolazione”. Nel territorio piacentino i censimenti di lupi ne registrano la presenza in collina e montagna, “ma la realtà quotidiana- sottolinea Gasparini- ci ha già portati a frequenti incontri in pianura, anche vicino agli abitati”. E se si somma questo ‘trend’ al flagello dei cinghiali che trasportano la peste suina e che causano incidenti stradali, “mi chiedo cos’altro serva per uscire dalla logica del temporeggiamento. Il nostro è un ambiente antropizzato e rinunciarne la gestione è un gesto irresponsabile, che ne nega la natura”, chiude Gasparini.

Ecco il nuovo Piano lupo, Costa: “Non servono abbattimenti, ma strategia in 22 azioni”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»