Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Toscana si vende t-shirt sessista, Lega: “Da censurare”

Montemagni: "Pessimo gusto, trapela ironia becera"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – In un esercizio commerciale in Toscana viene messa in vendita una maglietta di cattivo gusto e dal sapore sessista. Sulla t-shirt appaiono due riquadri: nel primo un uomo ascolta una donna che parla una situazione che viene commentata con la scritta ‘Problem‘, nel secondo invece il personaggio maschile spinge fuori quello femminile che precipita giù. Il ‘problem’ diventa a quel punto, nella didascalia, ‘solved’. Il sarcasmo è inequivocabile e non è sfuggito alla capogruppo in Regione della Lega, Elisa Montemagni, che solleva il caso: “Purtroppo- afferma- i soprusi verso le donne non hanno bisogno di essere alimentati, magari con l’apporto di magliette che, pur nascondendosi magari dietro il fatto di lanciare un messaggio ‘ironico’, possono viceversa dare adito a spiacevoli conseguenze”. Il concetto della t-shirt in vendita, pertanto, è che con la scomparsa del personaggio femminile il problema sia improvvisamente risolto. E questo ragionamento risulta intollerabile per Monetemagni: “È una maglietta di pessimo gusto da cui trapela un’ironia becera da censurare apertamente, confidando che non trovi nessun acquirente e che, quindi, non venga mai indossata”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»