Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Liberia, la promessa di Weah agli studenti: “Università gratuita”

ROMA - Le università statali della Liberia d'ora in avanti saranno gratuite: lo ha promesso oggi il presidente George Weah,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le università statali della Liberia d’ora in avanti saranno gratuite: lo ha promesso oggi il presidente George Weah, dopo le proteste degli studenti e il calo delle iscrizioni dei mesi scorsi per un aumento delle tasse degli atenei.

Il capo dello Stato ha fatto l’annuncio di fronte ai giovani della University of Liberia, il principale dei quattro atenei pubblici del Paese.

Nel suo discorso, Weah non ha fornito dettagli sulle modalità di finanziamento dei corsi e delle attività delle università. Quotidiani e portali di informazione locali hanno però riferito che l’annuncio è stato accolto con cori ed esclamazioni di gioia.

Weah è stato eletto presidente alla fine del 2017, superando al ballottaggio il candidato governativo. Secondo la stampa di Monrovia, nell’ultimo semestre le iscrizioni all’University of Liberia sono crollate da circa 20mila a 10mila studenti.

Il nodo dell’istruzione gratuita è da tempo al centro dell’agenda politica di diversi Paesi dell’Africa occidentale. Ad adottare misure concrete sono stati da ultimo il Ghana, rispetto alle scuole superiori, e la Sierra Leone, per le elementari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»