Migranti, Mediterranea: “Guardia costiera non ha fatto salire esperti soccorso, così la Mare Jonio è bloccata”

La denuncia di Mediterranea: a Pozzallo è stato impedito l'imbarco a bordo della Mare jonio di due membri, paramedico soccorritore ed esperto di ricerca e soccorso in mare
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Vietato soccorrere: il governo blocca anche la Mare Jonio”. Lo denuncia su Facebook Mediterranea Saving Humans. Ecco: “Ieri sera la Capitaneria di porto di Pozzallo, dove la nave si trovava pronta a partire in missione nel Mediterraneo centrale, ha comunicato il diniego all’imbarco a bordo della Mare Jonio di due membri, paramedico soccorritore ed esperto di ricerca e soccorso in mare, del rescue team di Mediterranea Saving Humans. Con i provvedimenti adottati, da oggi viene di fatto bloccata l’attività di missione nel Mediterraneo della Mare Jonio, privando il confine acqueo più mortale del mondo di un’altra nave che, in quasi due anni, ha portato in salvo sbarcandole in porti sicuri europei 374 persone tra donne, uomini e bambini, il cui destino sarebbe stato invece la morte per affogamento o la deportazione in Libia”.

Per Mediterranea “si tratta, evidentemente, di una mirata persecuzione amministrativa e giudiziaria che nasce da una precisa volontà politica del governo, contiene un messaggio chiaro e terribile ed ha un altrettanto micidiale obiettivo. Come avvenuto con il ‘fermo amministrativo’ delle altre navi e degli aerei della società civile europea, il messaggio del governo è ‘vietato soccorrere’ vite umane che si trovano in pericolo in mare”.

“L’obiettivo del governo è ostacolare ed impedire di fatto la presenza in mare di tutte le organizzazioni civili che operano missioni di osservazione, monitoraggio e soccorso: vogliono togliere di mezzo dal Mediterraneo i testimoni scomodi delle quotidiane violazioni dei diritti umani che avvengono grazie alle politiche e ai finanziamenti dei governi europei. Ma noi non intendiamo arrenderci alla disumanità e al cinismo di queste scelte politiche: i nostriLegali sono già al lavoro per ricorrere contro provvedimenti arbitrari e illegittimi che hanno colpito la Mare Jonio e, grazie alle migliaia di cittadine e cittadini che ci sostengono, faremo il possibile per tornare presto in mare insieme alle altre navi ed aerei della civil fleet europea”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»