Spese ‘pazze’, per Manes Bernardini condanna bis in appello

Per l'ex consigliere della Lega alla Regione Emilia-Romagna i giudici hanno deciso uno sconto di due mesi. Farà ricorso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Condanna bis per Manes Bernardini, ma con un piccolo ‘sconto’. I giudici della Corte d’appello di Bologna accordano uno ‘sconto’ di due mesi a Manes Bernardini, a processo nell’ambito dell’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari in Regione Emilia-Romagna.

Per l’ex consigliere della Lega, in seguito uscito dal partito per fondare il movimento civico Insieme Bologna, la pena scende dai due anni e sei mesi comminati in primo grado a due anni e quattro mesi. Confermata l’interdizione di due anni temporanea dai pubblici uffici già arrivata in primo grado, insieme alla confisca dei rimborsi.

A Bernardini venivano contestate, in particolare, alcune spese nei ristoranti, una serie di acquisti, tra cui dei cd musicali e un decoder Samsung, un abbonamento biennale da 3.752 euro a un sistema di ricerca e aggiornamento online per avvocati e due consulenze da 1.500 euro: la prima a una ragazza che, secondo la ricostruzione della Procura, si occupava di accogliere gli ospiti delle iniziative elettorali di Bernardini durante la campagna elettorale per le elezioni comunali di Bologna del 2011, e la seconda a una praticante dello studio legale dello stesso ex consigliere, che però non si sarebbe mai vista in Regione.

La Procura generale aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado. L’abbassamento della pena è legato al riconoscimento delle attenuanti in relazione al rimborso per l’acquisto della banca dati e per le spese inferiori a 50 euro. In attesa del deposito delle motivazioni, previsto entro 90 giorni, il legale dell’ex esponente del Carroccio, Vittorio Manes, ha già annunciato che intende ricorrere in Cassazione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»