VIDEO | L’ex M5S Nugnes ‘dispiaciuta’ per Di Maio: “Nella rivolta contro di lui anche i cattivi e i rosiconi”

La senatrice, critica con Di Maio da molti mesi, esclude un ritorno nei Cinque stelle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Contro Luigi Di Maio si e’ mossa “una rivolta di buoni e cattivi”.
L’ex senatrice del M5s Paola Nugnes, ora in Leu, non nasconde la disillusione per la protesta che sta montando nel M5s contro Luigi Di Maio.

LEGGI ANCHE: Parlamentari del M5S pronti a passare con la Lega? Salvini: “Nei prossimi giorni ci saranno sorpese”

“So per certo che in questa richiesta c’e’ il malessere di molti che lo hanno espresso subito a livello concettuale- dice Nugnes- ma c’e’ anche la rivendicazione di molti che si sono visti togliere delle possibilita’, o che non le hanno avute neanche in questa seconda tornata. Sono rivendicazioni personali. Invece il diritto, l’etica, deve essere difesa per principio e non solo quando ci tocca”.

LEGGI ANCHE: Di Maio: “Non c’è nessuna fronda, quelle 70 firme in Senato non sono contro di me”

Sono dei rosiconi?, chiede qualcuno. “Io non amo usare termini cosi’ brutali, pero’ probabilmente lei ha ragione”, risponde Nugnes.

La senatrice, critica con Di Maio da molti mesi, esclude un ritorno nei Cinque stelle, nel caso in cui il dibattito interno portasse a un mutamento dell’organizzazione. “Non mi piace dire ‘avevo ragione io’, perche’ le Cassandre danno sempre il segnale di qualcosa di negativo. Purtroppo pero’ le cose sono andate in questo senso. Io non credo che abbiano grandi soluzioni. Sono in estremo ritardo. Nel M5s ci sono problemi grandi di gestione democratica. Non so se lo risolvera’, me lo auguro. Ma non credo che potro’ ritornare nel M5s. Il passato e’ passato”.

Un consiglio a Di Maio? “In passato ne ho dati, lo conosco da quando era giovanissimo. Penso si sia accollato delle responsabilita’ per le quali non era all’altezza, sia per l’eta’ sia perche’ non e’ possibile essere il portatore unico delle decisioni di un intero partito. Adesso mi dispiace umanamente per lui perche’ sta vivendo un momento difficile”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»