Il rosario e la ‘ndrangheta: scambio di querele tra Salvini e Morra

"Caro ex Ministro- dice Morra-, usi la solita vecchia ed ipocrita tecnica di cambiare le parole da me pronunciate in Aula attribuendomene altre"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Matteo Salvini mi querela. ‘Io non ho mai querelato nessuno. L’unico che ho deciso di portare in tribunale è quel cretino di Nicola Morra’ ha detto. Poi, come spesso fa per difendere le sue posizioni, falsifica le informazioni: ‘Ma dico io è possibile dire che chi bacia il rosario manda dei messaggi alla ’ndrangheta?'”. Lo scrive su facebook Nicola Morra (M5s), presidente dell’Antimafia, annunciando che anche lui adirà “le vie legali”.

LEGGI ANCHE: Morra (M5S) contro Salvini: “Rosario in Calabria è messaggio alla ‘ndrangheta”

“Caro ex Ministro- dice Morra-, usi la solita vecchia ed ipocrita tecnica di cambiare le parole da me pronunciate in Aula attribuendomene altre. Puoi trovare tutto, se hai problemi di memoria, su questa pagina o sul sito ufficiale del Senato, sempre che tu sappia accedervi, vista la tua scarsa ottemperanza dei doveri di partecipazione ai lavori del Parlamento per cui sei stato eletto. Ti ricordo però che il rispetto fra persone, oltre che fra istituzioni, vuole che il titolare dell’azione di contrasto alla criminalità organizzata di stampo mafioso abbia un’interlocuzione positiva e rispettosa con chi rappresenta il Parlamento nella veste di presidente della Commissione antimafia, al fine di operare in sinergia con lo stesso per ottimizzare l’azione dello stato contro le mafie”.

LEGGI ANCHE: Salvini e la foto con il figlio del boss, l’ira del M5S: “Chiarisca subito in commissione Antimafia”

E aggiunge: “Matteo continua: ‘Io so solo che dove c’è la Lega non c’è la ’ndrangheta e che come ho fatto quand’ero ministro la combatteremo con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione’. Dove c’è la Lega non c’è la ‘ndrangheta? E la mafia nelle regioni del Nord (in Val d’Aosta, in Veneto, in Lombardia, in Liguria, in Piemonte) e nei Comuni in cui governate anche voi ce la siamo inventata noi?! Mi sembra asserzione e non argomentazione, affermazione dogmatica ed aprioristica non fondata su dati di fatto. La mafia è ovunque, anche a Roma come abbiamo visto (nuovamente) ieri. Non è negandone l’esistenza che essa sparisce, ma combattendola”.

In certi contesti, spiega Morra, “come volevano coloro che la ‘ndrangheta e Cosa Nostra l’hanno combattute veramente, son le frequentazioni che danno l’idea di chi si sia. Per questo ti suggerisco di usare maggiore prudenza, perchéanche incautamente, come avrai verificato, si possono commettere errori, anche per un semplice selfie”. E conclude: “Ah, ti anticipo che adirò le vie legali”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»