Chi è più femminista? Scontro social tra Renzi e Meloni

Scambio di battute su twitter sul 'grado di femminismo' dei rispettivi partiti, Meloni: "Fdi unica forza guidata da una donna"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Qual è il partito più femminista in Italia? La domanda accende lo scontro social tra Matteo Renzi e Giorgia Meloni.

L’ex premier ha definito il suo neonato movimento ‘Italia Viva’ il “primo partito femminista in Italia”: i fuoriusciti dal Pd, infatti, hanno deciso che ogni carica apicale dovrà essere condivisa tra due persone, un uomo ed una donna. I coordinatori nazionali, ad esempio, sono lo stesso Matteo Renzi e la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova.

Immediata la replica di Giorgia Meloni che rivendica come Fratelli d’Italia sia l’unico partito italiano attualmente guidato da una donna.

RENZI: ITALIA VIVA PRIMO PARTITO FEMMINISTA NELLA POLITICA ITALIANA

“Tutti si affannano a parlare di manovre di palazzo ma Italia Viva è una rivoluzione anche per la scelta di essere il primo partito femminista nella politica italiana”. Lo scrive su twitter Matteo Renzi, leader di Italia viva.

MELONI A RENZI: UNICO PARTITO GUIDATO DA DONNA È FDI

“Il primo partito femminista? Come no… Pensato da Renzi, fondato da Renzi e guidato da Renzi che sceglie e nomina le donne nel partito. Tutti ‘femministi’ i partiti di sinistra, poi l’unico guidato da una donna è a destra e si chiama Fratelli d’ItaIia”. Lo scrive su twitter Giorgia Meloni, che commenta cosi’ un tweet di Matteo Renzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»