FOTO | Whirlpool, gli operai in corteo ricevuti al consolato Usa a Napoli

Chiedono di favorire dialogo con Trump e la multinazionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – I rappresentanti sindacali di Fiom-Cgil, Uilm e Fim-Cisl sono stati ricevuti da un rappresentante del consolato degli Stati Uniti a Napoli al termine di un corteo dei lavoratori che ha attraversato il lungomare.

“Abbiamo lanciato un segnale preciso – ha detto Antonello Accurso, segretario generale Uilm, al termine dell’incontro -, la multinazionale sta offendendo un intero territorio, la politica, il governo, il sindacato e le istituzioni perché ha firmato un accordo e non lo sta rispettando. Risponderemo in maniera sempre più forte, con un’azione corale che investirà sempre più aziende e tutto il sindacato”.

“I lavoratori Whirlpool – ha sottolineato Rosario Rappa, segretario generale della Fiom-Cgil – ci hanno consentito di far diventare questa vertenza una vertenza di natura internazionale. Siamo di fronte a una multinazionale americana che ha firmato un accordo con il governo italiano e poi, nei fatti, si è rimangiata tutto, mettendo in discussione l’autorevolezza del nostro governo”.

“Per quanto ci riguarda questa è una vertenza che riguarda i rapporti tra gli Stati Uniti d’America e l’Italia. Sappiamo – ha aggiunto Rappa – che ci sono state interlocuzioni tra Giuseppe Conte e Donald Trump. Di fronte a questo, una multinazionale come Whirlpool non conta niente rispetto a scelte che possono essere assunte dagli Stati Uniti”.

L’auspicio dei sindacati è che, da oggi al 4 ottobre, in occasione della manifestazione nazionale di tutti i lavoratori Whirlppol, si arrivi al risultato di “ripartire dall’accordo sottoscritto ad ottobre dello scorso anno, annullare la procedura di cessione dell’attività e riaprire il negoziato”.

Whirlpool, gli operai in corteo diretti al consolato Usa a Napoli

Napoli non molla“, lo slogan simbolo della protesta dei lavoratori Whirlpool, compare in italiano e in inglese (Naples won’t give up) sugli striscioni esposti dagli operai del sito di via Argine fuori alla stazione di Mergellina. Da qui alle 10 è partito  l’ennesimo corteo per contestare la scelta della multinazionale americana di cedere lo stabilimento alla società svizzera Prs.

Il corteo ha raggiunto il lungomare di Napoli e da qui si muoverà verso il consolato degli Stati Uniti in piazza della Repubblica. Centinaia di lavoratori, armati di striscioni, megafoni e microfoni colorati, sono in strada con le bandiere di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm. “Vogliamo il rispetto degli accordi, vogliamo il lavoro. L’accordo non si tocca”, ripetono in coro, chiedendo alla multinazionale americana di rispettare la loro “dignità. Questa é una battaglia di tutto il territorio”. Appena giunti al consolato, chiederanno di essere ricevuti dal console Mary Avery perché si faccia portavoce con Donald Trump delle loro richieste.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»