Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“La Raggi non ha più alibi, rinnovi la concessione alla Casa internazionale delle Donne”

La consigliera capitolina Grancio, ex M5S, attacca: "Grazie alla Regione Lazio la strada per rinnovare l'accordo è spianata"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’approvazione di uno specifico emendamento nella legge collegata al bilancio della Regione Lazio rende immediatamente praticabile un accordo con la Casa internazionale delle Donne per rinnovare la concessione per l’utilizzo del Buon Pastore. L’assessora Castiglione e la Sindaca Raggi ora non hanno più ragione di continuare ad insistere sulla strada dello sgombero che priverebbe la città di questa insostituibile esperienza di partecipazione del movimento delle donne”. Cristina Grancio, capogruppo del Misto in Assemblea capitolina, commenta così l’approvazione di uno specifico emendamento alla legge della Regione Lazio.

“Disposizioni per la semplificazione e lo sviluppo regionale” che ha previsto la possibilità per i Comuni di compensare gli oneri per l’utilizzo del patrimonio pubblico valutando i servizi resi dalle associazioni che si occupano dei diritti delle donne.

“Il Consiglio regionale- dichiara la consigliera Grancio- ha spianato la strada al superamento del contenzioso fra l’Associazione che gestisce il complesso del Buon Pastore e Roma Capitale. Mi auguro che l’Amministrazione capitolina si avvii quanto prima lungo questa strada, piuttosto che procedere con un tavolo di trattative in realtà mai decollato per la scarsa disponibilità ad ascoltare le proposte della controparte. Le esperienze di partecipazione civica sono una ricchezza e non un costo per la nostra città”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»