Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Paralimpiadi, Gilli e Bocciardo trionfano nel nuoto: primi due ori per l’Italia

carlotta gilli instagram
Nella stessa gara (ma categoria S12) medaglia d'argento per Alessia Berra, bronzo per Monica Boggioni nei 200 metri stile libero femminili classe S5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dal nostro inviato Mirko Gabriele Narducci

TOKYO – Due ori, un argento e due bronzi. E’ questo il bottino di medaglie ottenuto dall’Italia nella prima giornata di gare dei XVI Giochi paralimpici estivi di Tokyo 2020. Le medaglie, arrivate tutte dal nuoto, portano le firme di Carlotta Gilli, Francesco Bocciardo, Alessia Berra, Francesco Bettella e Monica Boggioni.

La prima medaglia per gli azzurri è stato il bronzo ottenuto da Bettella nei 100 metri dorso di classe 1. Il padovano, già argento ai Giochi di Rio 2016 nei 50 e 100 dorso, ha nuotato in 2’32″08, con un ritardo di 4″04 dal vincitore della gara, l’israeliano Iyad Shalabi (2’28″04). Argento per l’ucraino Anton Kol (2’28″29).

Doppietta italiana nei 100 farfalla femminili, con l’oro a Carlotta Gilli e l’argento ad Alessia Berra. Gilli ha fermato il cronometro su 1’02″65, 3″02 in meno di Berra (1’05″67). Terzo posto per l’atleta della Rappresentativa russa, Daria Pikalova (1’05″86).

Il secondo oro lo ha conquistato Francesco Bocciardo. Il genovese ha dominato i 200 metri stile libero S5 con il crono di 2’26″76, con ben 8″44 di vantaggio sullo spagnolo Antoni Ponce Bertran (2’35″20) e 11″85 sul brasiliano Daniel Dias de Faria (2:38.61).

L’ultima medaglia vinta oggi dal nuoto azzurro è arrivata da Monica Boggioni nei 200 stile libero S5: 2’55″70 il tempo della lombarda, giunta alle spalle della cinese Zhang Li (2’46″53) e della britannica Tully Kearney (2’46″65).

LEGGI ANCHE: Paralimpiadi Tokyo 2020, prima medaglia azzurra: bronzo per Bettella nei 100 metri dorso S1

GILLI: SONO SCONVOLTA, RIPRESO TITOLO SFUGGITO A LONDRA

“Sono senza parole, sono sconvolta. Neanche nel migliore dei sogni avrei pensato una cosa del genere. E’ stata una gara troppo emozionante, non ho mai sentito una gara in questo modo: stamattina mi tremava tutto, ma abbiamo fatto un capolavoro”. Lo ha detto Carlotta Gilli, neo campionessa paralimpica ai Giochi di Tokyo 2020, parlando in zona mista dopo la medaglia d’oro conquistata nei 100 metri farfalla femminili classe S13.

Questa vittoria, ha aggiunto ai microfoni di Raisport, “significa tantissimo, ancora non ci credo: l’ho sognata tante volte e me la immaginavo così. Volevo riprendermi il titolo che a Londra mi era sfuggito. Una medaglia che sono venuta praticamente solo a ritirare perché è stata vinta nei mesi passati con la mia famiglia, lo staff e il preparatore atletico dopo un anno sacrifici, ma oggi posso dire ne è valsa la pena. Questa medaglia è più vostra che mia”, ha concluso Gilli.

Alessia Berra, che ha completato la doppietta azzurra con l’argento, ha spiegato che “ho lavorato molto sul ritorno, era la mia pecca e ho cercato di migliorarlo”. E sulla medaglia conquistata “siamo una famiglia, c’è sempre una squadra dietro all’atleta”.

CHI È CARLOTTA GILLI

Carlotta Gilli è nata a Torino il 13 gennaio 2001 e vive a Moncalieri. Affetta dalla malattia di Stargardt, una retinopatia degenerativa su base genetica a trasmissione autosomica recessiva, è tesserata per la Rari Nantes Torino e per le Fiamme Oro. È soprannonominata WonderGilli. Ha iniziato a partecipare a gare del settore ‘Propaganda’ nel 2009 per poi passare all’agonismo nello stesso anno raggiungendo, sotto la guida dell’allenatrice Sandra Corsa, il podio nella maggior parte delle volte. La ‘stagione d’oro’ Fin è certamente quella 2014-2015, in cui vince 6 medaglie ai Campionati Italiani giovanili e nella categoria Ragazzi. Gilli nel 2017 gareggia anche ai Campionati Italiani Assoluti Primaverili di salvamento. Nello stesso anno avviene l’esordio nell’universo paralimpico nella classe S13 (ipovedenti). All’esordio ai Giochi Paralimpici, nel ricco palmares di medaglie internazionali e record di Gilli ci sono l’oro nei 50 stile ai Mondiali di Città del Messico, cui seguono nella stessa rassegna iridata anche i titoli nei 100 stile, nei 100 dorso, nei 100 farfalla, nei 200 misti, l’argento nei 400 stile. Ai Mondiali di Londra del 2019 oro nei 50 stile libero, nei 100 stile libero, nei 100 dorso, nei 200 misti, argento nei 100 farfalla e bronzo nei 400 stile libero.

LEGGI ANCHE: Paralimpiadi, Bebe Vio: “Non parteciperò alle gare di sciabola”

BOCCIARDO: GARA MOLTO SOFFERTA, NON PENSAVO DI FARCELA

“E’ stata una gara molto sofferta, quella con cui aprivo le danze. C’erano molte aspettative su di me, non pensavo di farcela ma ho detto ‘proviamoci’. Avevo le braccia doloranti ma mi sono ricordato di tutte le persone che hanno creduto in me e mi hanno sempre sostenuto. Ringrazio il mio allenatore e lo staff della Nazionale, la mia nutrizionista, la psicologa nonché la mia famiglia e tutti i miei amici”. Così Francesco Bocciardo ai microfoni di Raisport subito dopo aver conquistato la medaglia d’oro nei 200m stile libero maschili classe S5 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»