Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’appello di Nino Frassica ai siciliani: “Bisogna fidarsi della scienza, vacciniamoci tutti”

nino frassica-min
Il comico di origini messinesi è sceso in campo in prima persona con una "chiamata alle armi anticovid" per convincere i suoi conterranei a vaccinarsi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA . “Io sono ignorante ma non sono stupido, la cosa è seria: mi sono stancato di ascoltare ogni sera al tg che la Sicilia è l’ultima regione d’Italia per vaccini e Messina ultima in Sicilia. Non vogliamo essere considerati gli ultimi, vogliamo cambiare la tendenza perché crediamo che Messina e la Sicilia debbano e possano fare di più”. Così il comico di origini messinesi Nino Frassica, sceso in campo in prima persona con una “chiamata alle armi anticovid” per convincere gli abitanti della provincia di Messina e tutti i siciliani a vaccinarsi girando un video-appello al fianco del commissario per l’emergenza Covid Alberto Firenze.

“Bisogna fidarsi della scienza – aggiunge -. Pensiamo a tutte le conquiste, le scoperte della medicina, senza di esse la nostra vita oggi durerebbe appena 40 anni, io invece voglio viverne almeno 120 continua con ironia il comico -, a maggior ragione mi rivolgo a tutti i genitori di bambini che hanno meno di 12 anni (e non possono ricevere vaccino, ndr), vaccinatevi per tutelare voi e i vostri figli”.

Le parole di Frassica sono riprese anche da Firenze: “Dobbiamo assolutamente evitare che i nostri figli possano infettarsi perché mamma e papà non si vaccinano – spiega il commissario per l’emergenza Covid di Messina -. Quasi il 100% dei ricoverati negli ospedali Covid non sono vaccinati: precisamente il 100% in terapia intensiva non ha vaccino, il 98% in degenza ordinaria lo stesso. Sono numeri che rendono inconfutabile la valenza delle vaccinazioni, l’unica arma per uscire dall’incubo della pandemia”. 

LEGGI ANCHE: Aumentano i casi in Sicilia, stretta in 55 comuni con basse percentuali di vaccinati

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»