Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Arrestato a Barcellona boss latitante del clan Mazzarella

blitz carabinieri
Gennaro Esposito, noto come 'Genni cape e bomb', era irreperibile dal luglio del 2020. È stato catturato nella città dove si rifugiava mentre era insieme alla compagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – I carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno arrestato Gennaro Esposito, 34enne napoletano, ritenuto elemento di spicco del clan Mazzarella. L’uomo, irreperibile dal luglio del 2020 e destinatario di due provvedimenti emessi dall’Autorità giudiziaria partenopea, è ritenuto gravemente responsabile del reato di estorsione aggravata dalle finalità mafiose e associazione a delinquere di stampo mafioso.

Questa notte a Barcellona, città dove il latitante si rifugiava, il Fas Team Spagnolo – attivato dal Servizio di cooperazione internazionale di polizia italiano su precise indicazioni dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli –ha catturato Esposito, noto come ‘Genni cape e bomb’, che era insieme alla compagna. La donna, partita da Napoli, lo aveva appena raggiunto. La localizzazione da parte dei carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Napoli, si inquadra nell’ambito di un’articolata indagine partita dal novembre scorso e coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione distrettuale dntimafia. Il 34enne è ora in carcere in attesa del provvedimento di estradizione. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»