Coronavirus, Nappi (Lega): “De Luca ipocrita”

Lo ha detto il candidato della Lega alle prossime elezioni regionali in Campania Severino Nappi al termine di una visita al carcere di Secondigliano con il segretario del Carroccio Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Zero contagi e il merito era di De Luca, ora ci sono cento contagi e la colpa e’ dei cittadini. È questa l’ipocrisia di un presidente della Regione che ha scambiato la comunicazione spiritosa per il governo della nostra terra”. La pensa cosi’ il candidato della Lega alle prossime elezioni regionali in Campania Severino Nappi. “È inaccettabile in un momento come questo in cui ci sono rischi sia per la salute che per l’economia. Bisogna cambiare – dice – e bisogna farlo subito”. 

NAPPI (LEGA) VISITA SECONDIGLIANO: SICUREZZA PER CHI CI LAVORA

“Ci sono oggettivamente difficolta’ per chi lavora in realta’ complicate e difficili. Bisognerebbe garantire sicurezza a chi e’ costretto a soggiornarvi, ma soprattutto a chi vi opera. Dunque c’e’ bisogno di attenzione”. Lo ha detto Severino Nappi al termine di una visita al carcere di Secondigliano con il segretario del Carroccio Matteo Salvini. “Il governo – ha sottolineato – anche sul tema della sicurezza nelle carceri fa solo chiacchiere e rischia di creare caos e tensioni sociali. È esattamente il contrario di quello che bisognerebbe fare: gli istituti devono garantire che la gente sconti la pena in modo dignitoso, ma anche condizioni di sicurezza per chi lavora”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»