Governo, Binetti: “Donne irrilevanti ai tavoli di trattativa”

"Ecco uno dei primi fattori invece su cui dovrebbe investire un governo del cambiamento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’irrilevanza delle donne Pd e M5S nelle trattative in corso. Tutto sembra giocarsi all’insegna del maschile: che si tratti di Fico o di Maio, di Patuanelli o D’Uva, o che riappaia ogni tanto il Dibba: donne non se ne vedono e non se ne sentono. Ma anche nel Pd le donne tacciono: i volti sono quelli di Renzi e Zingaretti, appare spesso del Rio, Marcucci non si sente, frequenti le citazioni di Gentiloni e Franceschini”. Lo afferma la senatrice Paola Binetti, Udc. “Ma donne mai. Ecco uno dei primi fattori invece su cui dovrebbe investire un governo del cambiamento. Qui in quanto a maschilismo cambia ben poco. Eppure sono note le capacità di mediazione e di integrazione, l’approccio inclusivo e flessibile, la ricerca di un consenso mediato dall’accoglienza e non dalla prepotenza. Ma nell’attuale dialettica di vertice le donne al tavolo delle trattative non ci sono. Peccato. Seconda cosa sorprendente Fratelli d’Italia e Lega, rispondono sistematicamente picche agli inviti, con cui sono sollecitati a partecipare alla costruzione di un nuovo Centrodestra moderato, europeista e liberale, dalle spiccate radici cattoliche, declinate però in modo laico e coerente. Apparentemente Forza Italia e l’Udc vedono ridurre i loro consensi, sistematicamente saccheggiate dagli ex alleati che si girano dalla parte opposta quando sono invitate a fare fronte comune anche dai vertici del partito. Salvini preferisce rincorrere Di Maio e la Meloni rincorre Salvini. Ma di dar vita ad un vero e proprio Centro destra non si vede l’ombra. Terza ed ultima sorpresa. Ognuno resta intrappolato nella sua casella, sempre più schiacciata a sinistra, con tutte le sue derive radicali, e a destra con tutte le sue intemperanze. A Fi manca il coraggio di chiudere seriamente con l’ex socio di minoranza che nel frattempo ha divorato tutto il suo patrimonio e aprire ad un nuovo spazio elettorale, quello degli attuali assenteisti che si sentono trascurati e mai adeguatamente ascoltati e valorizzati. Ma anche a Renzi manca il coraggio di rompere con schemi vecchi per affrontare quel processo di cambiamento sostanziale che ricondurrebbe Lega e M5S nella marginalizzazione che i risultati di questa legislatura hanno evidenziato con lucidità. Innovare oggi significa rompere schemi, non continuare a fare il gioco delle tre carte. E sono molte le donne che lo farebbero prima e meglio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»