Migranti, Salvini: “Italia non voterà bilancio Ue senza condivisione”

"Non c'è più un governo schiavo, un governo complice"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“Non c’è più un governo complice, non c’è più un governo di servi, c’è un governo che non deve dire grazie a nessuno ma difende l’interesse nazionale italiano”, spiega Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno. “Questo vale per le concessioni dei signori Benetton e vale per i voti in Europa- prosegue Salvini- c’è un bilancio che dovranno approvare all’unanimità per spendere i soldi che gli diamo? Il voto dell’Italia non c’è e non ci sarà, fino a che non ci si risolve una volta per tutte il problema immigrazione“. Insomma, “fino a che non ci sarà questa condivisione noi il voto alle politiche europee non lo diamo e non lo daremo”, aggiunge il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno.

“DENUNCE MI DANNO PIU’ FORZA PER TIRARE DRITTO”

“Le decine di denunce e di minacce che mi arrivano mi danno sempre più forza per tirare dritto e io le considero tutte medaglie da appendere al petto perche’ mi pagano per difendere i confini e la sicurezza di questo Paese e i confini e la sicurezza di questo Paese io voglio difendere”.

 “CON ORBAN CONDIVIDIAMO DIFESA CONFINI ESTERNI”

“Noi discutiamo con tutti, io incontro tutti e ascolto tutti”, ma “con Orban c’è la condivisione di intenti di proteggere le frontiere esterne e di avere un’immigrazione illegale pari a zero nel nostro Paese e nel nostro continente”.  “L’unica soluzione e’ riportare queste persone da dove partono e quindi aiutare paesi come Libia, Tunisia e Marocco ad essere ospitali e accoglienti”, spiega Salvini.

“SOLDI ITALIANI VADANO A DIFESA CONFINI ESTERNI”

“Il problema non è prendere gli immigrati dall’Italia, il problema è che i soldi che gli italiani e gli europei versano a Bruxelles vengano usati per difendere i confini esterni. Questo vale a sud vale a est, vale ovunque”, spiega il vicepremier. “Il problema ce lo risolviamo noi da soli, quello che mi sono impegnato a fare e che farò è che non siano gli italiani a pagare”, conclude.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»