Terremoto, in Italia almeno 24.000 scuole in zone a rischio sismico

"E’ necessario il Fascicolo del fabbricato sugli edifici per verificarne lo stato di salute e puntare alla messa in sicurezza degli edifici strategici come scuole ed ospedali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

amatrice_terremoto___

ROMA – “L’immagine che mi è rimasta impressa è una scuola di Amatrice che è crollata. In Italia le scuole che sono in zone a rischio sismico sono almeno 24.000”. Lo segnala Domenico Angelone, consigliere nazionale dei Geologi, recatosi sui luoghi del sisma.

“IN ITALIA SI CONTINUA A COSTRUIRE SENZA CONSIDERARE LA GEOLOGIA”

“Eppure ancora oggi in Italia– prosegue Angelone- si continua a costruire senza tener conto di quella che è la conoscenza geologica. La conoscenza geologica non riguarda esclusivamente la natura del terreno, ma le possibili evoluzioni di esso, connesso ai rischi derivanti dalle situazioni locali che rendono ogni sito diverso dall’altro”.

“BISOGNA VERIFICARE EDIFICI E METTERE IN SICUREZZA SCUOLE E OSPEDALI”

In Italia, quindi, “dobbiamo porre la geologia al centro delle scelte programmatiche. E’ necessario il Fascicolo del fabbricato sugli edifici per verificarne lo stato di salute e puntare alla messa in sicurezza degli edifici strategici come scuole ed ospedali”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»