Il governatore Fontana è indagato per frode

È indagato per frode in pubbliche forniture nella vicenda della cessione di camici sanitari alla Regione da parte di Dama spa, societa' controllata dal cognato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Il governatore della Lombardia Attilio Fontana e’ indagato per frode in pubbliche forniture nella vicenda della cessione di camici sanitari alla Regione da parte di Dama spa, societa’ controllata dal cognato del presidente e di cui possiede una quota del 10% anche la moglie di Fontana. La notizia e’ trapelata ieri in tarda serata dopo che in giornata era stato lungamente interrogato dai magistrati l’ex direttore generale di Aria, la centrale acquisti della Regione, Filippo Bongiovanni, centrale acquisiti a cui il cognato di Fontana aveva prima venduto e poi regalato la fornitura di camici, circa 75.000.

LEGGI ANCHE: Camici per i medici forniti dalla ditta della moglie di Fontana. L’inchiesta di Report

Il governatore e’ entrato nell’inchiesta perche’- secondo quanto scrive il ‘Corriere della Sera’- avrebbe cercato di fare un bonifico personale al cognato, poi bloccato e segnalato dalla banca di Fontana all’Unita’ di informazione finanziaria di Bankitalia, che a sua volta l’avrebbe girata a Procura di Milano e Guardia di Finanza. I fatti sono relativi ad aprile e maggio di quest’anno, in piena emergenza coronavirus, quando la Regione era alla caccia disperata di dispositivi di protezione individuale. Fontana si e’ sempre detto all’oscuro della negoziazione tra la Regione e la societa’ del cognato.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»