Sicurezza bis, ovazione per la dissidente Sarli (M5S): “Io voto contro”

"Il nostro ministero degli interni deve andare a sedersi ai tavoli di concertazione a ridiscutere il regolamento di Dublino e li' fare la voce forte, non con la gente per mare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ovazione in aula, da parte delle opposizioni, alla deputata M5s Doriana Sarli che votera’ contro il decreto sicurezza bis.

La parlamentare interviene a titolo personale per sottolineare che il “decreto non presenta i caratteri di urgenza e necessita’ previsti dall’articolo 77 della Costituzione” mentre presenta “numerosi profili di incostituzionalità'”.

Il decreto, aggiunge Sarli, “si inventa una nuova tipologia di reato, il salvataggio delle vite umane. Il nostro ministero degli interni deve andare a sedersi ai tavoli di concertazione a ridiscutere il regolamento di Dublino e li’ fare la voce forte, non con la gente per mare. Tutti i paesi che vogliono stare in Europa devono essere obbligati ad accettare la redistribuzione delle persone”. E ancora, sul versante interno, “va garantito il diritto a manifestare il dissenso, non va criminalizzato”.

Sarli commenta: “Perche’ nessuno debba rimanere indietro e per molte altre ragioni di civilta’ che non potro’ motivare per il poco tempo a disposizione, annuncio il mio voto contrario al decreto in esame”. Lungo applauso dell’emiciclo di Montecitorio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»