Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dreambit, il software che prevede l’invecchiamento del viso

Dai capelli alle rughe, l'app per scoprire come saremo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DreambitROMA – Presto sarà resa disponibile l’app che ci dirà come diventeremo da vecchi, è Dreambit. Presentato al Siggraph 2016, il più grande salone mondiale di grafica computerizzata, Dreambit è il primo passo verso i motori di ricerca iconografici. “E’ il primo passo nella possibilità di ottenere l’immagine del mondo in cui il viso di una persona cambia nel tempo”, ha detto la sviluppatrice del software, Ira Kemelmacher-Shlizerman.

Dreambit, il software infallibile

Studiato e progettato negli Stati Uniti, dai ricercatori dell’università di Washington, Dreambit promette miracoli in quanto a riconoscimento facciale. L’applicazione, che sarà disponibile entro l’anno, ha diversi utilizzi tutti basati su un complicato algoritmo. Si parte da una semplice fotografia e dall’inserimento dei dati anagrafici. Di tutto il resto se ne occupa il software. Combinando la tecnologia già esistente sul riconoscimento facciale, sull’invecchiamento e sulla grafica 3d, Dreambit ha una percentuale di errore pari solo all’1%.

Dreambit, come funziona

L’app, sviluppata sia per Android che per iOs, ha diversi scopi, dal divertimento alla criminologia. Può essere usata per cambiare semplicemente la propria pettinatura, una sorta di grande prova prima di recarsi dal parrucchiere, o per vedere come il nostro viso diventerà nel prossimo decennio. Per le forze dell’ordine, invece, potrebbe aiutare nella costruzione degli identikit, nel capire e prevedere i travestimenti dei ricercati o, ancora, essere utile nel capire come si sia trasformato il volto delle persone scomparse. Basti pensare ai bambini rapiti o a quelli di cui si sono perse le tracce. Con Dreambit si potrebbe avere un loro identikit sempre aggiornato. Del resto lo slogan di lancio è “Dreambit, image yourself”.

Dreambit 2

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»