Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini e la bambola “sosia di Boldrini”. E scoppia la polemica/ VIDEO

"Le donne non sono bambole e la lotta politica si fa con gli argomenti, per chi ne ha, non con le offese", dice Laura Boldrini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le donne non sono bambole e la lotta politica si fa con gli argomenti, per chi ne ha, non con le offese. Lascio a voi ogni commento”. Lo scrive su facebook il presidente della Camera, Laura Boldrini, che risponde così a Matteo Salvini che ieri a Soncino, in provincia di Cremona, ha detto ‘sul palco c’è una sosia della Boldrini‘, indicando una bambola gonfiabile. La presidente della Camera posta anche un video.

BOSCHI: “SQUALLIDA ESIBIZIONE DI SESSISMO”

“Una squallida esibizione di sessismo. La frase di Matteo Salvini non è giustificabile in alcun modo. Non offende solo la presidente Laura Boldrini, cui va la mia solidarietà, ma anche tutte le donne e gli uomini del nostro paese”. Lo afferma la ministra per le Riforme costituzionali, con delega alle Pari opportunità, Maria Elena Boschi, in merito a quanto accaduto ieri durante un comizio di Salvini vicino Cremona.

FIANO (PD): “SALVINI OLTREPASSA IL LIMITE DELLA DECENZA”

“Ancora una volta Salvini non perde occasione per esprimere volgarità e insulti: nell’ultimo comizio, però, ha oltrepassato ogni limite della decenza”. Così il deputato Dem Emanuele Fiano in merito a quanto detto da Matteo Salvini che, durante il comizio a Soncino, ha accolto l’apparizione di una bambola gonfiabile con le parole “ecco la sosia della Boldrini”. “Le parole del leader Leghista, pronunciate con modalità che denotano assenza di argomenti, sono lesive della dignità non solo della presidente Boldrini, ma delle istituzioni e di tutte le donne. È stata mostrata una visione machista e sessista di società che- spiega il deputato democratico- non può trovare accoglienza, né complici silenzi, nel nostro Paese. La Lega ci ha abituati alle dichiarazioni volgari dei suoi esponenti, che troppo spesso gettano benzina sul fuoco, ma non è possibile sottovalutare la pericolosità dell’atto, perché è proprio dalla cultura che vede le donne ridotte a meri oggetti sessuali inanimati che si legittima la violenza di genere”. “Voglio esprimere alla presidente della Camera tutta la solidarietà e- conclude Fiano- assicurare l’impegno a portare avanti il lavoro parlamentare per dare valore e dignità alla cultura del rispetto delle differenze ed arginare ogni violenza, anche verbale”.

FEDELI (PD): “INDECENTE ACCOSTAMENTO BOLDRINI-BAMBOLA”

“Che il linguaggio di Salvini fosse sessista, violento e volgare è cosa nota a tutti, ma con l’ultimo accostamento tra una bambola gonfiabile e la Presidente della Camera Laura Boldrini, fatto durante un comizio, ha veramente raggiunto il massimo della sua indecenza”. Lo dichiara la Vice Presidente del Senato Valeria Fedeli, Pd. “Ora Salvini dirà che i richiami al rispetto delle donne e a un uso più accorto del linguaggio da parte di chi esercita funzioni pubbliche sono cose retoriche e politicamente corrette- dice Fedeli- la verità è che sono valori fondamentali, e che i suoi continui incitamenti all’odio e alle discriminazioni sono indicatori della sua mediocrità politica e della sua totale assenza di responsabilità davanti alle donne e agli uomini del nostro Paese. Mi auguro veramente che nessuno, anche tra gli elettori leghisti e di centrodestra, si rassegni mai ad accettare una leadership politica con questo livello culturale”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»