Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cannabis, Saviano: “Legalizzare toglie soldi al terrorismo islamico” /VIDEO

Roberto Saviano in un videomessaggio all'intergruppo parlamentare per la legalizzazione della Cannabis
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

cannabisROMA – “Legalizzare non significa promuovere, significa regolamentare e regolamentare significa controllare. Il parlamento per la prima volta puo’ controllare un mercato immmenso in mano alle mafie”.

Cosi’ Roberto Saviano, in un videomessaggio all’intergruppo parlamentare per la legalizzazione della Cannabis, che oggi tiene una conferenza stampa a Montecitorio. “Le droghe esistono, sono diffusissime, sono un mercato immenso- spiega Saviano- proibirle non ha portato a nulla. Bisogna seguire l’esempio dei paesi che stanno legalizzando, come il Colorado, come l’Uruguay, come il Portogallo che ha depenalizzato e in questi paesi il beneficio e’ stato immediato.

Chi e’ contrario alla legalizzazione e fraintende, pensa che la legalizzazione sia un modo per diffondere, parla senza conoscere. E’ esattamente il contrario.

La legalizzazione ha portato in tutti i paesi a una diminuzione del consumo, alla sottrazione dei capitali criminali.


Per legalizzare bisogna conoscere ed e’ a voi la responsabilita’ perche’ queste cose si sappiano”. Saviano rivolge un appello ai politici italiani: “Siate responsabili, decidete per la legalizzazione, cio’ significa sottrarre danaro al terrorismo islamico, sottrarre denaro alle mafie, abbassare i consumi, portare molta piu’ consapevolezza. La lotta al tabagismo si e’ fatta cosi’, regolamentando il tabacco. Fate questo gesto di amore per il vostro paese, legalizzate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»