Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Crotone 12 bambini nati da genitori stranieri ricevono la cittadinanza simbolica

cittadinanza migranti calabria-min
"Sono figli di questa città, figli di tutti noi" ha dichiarato nel corso della cerimonia il sindaco di Crotone Vincenzo Voce
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Il grado di civiltà di un popolo si misura anche attraverso gesti dal forte significato simbolico. E il conferimento della cittadinanza ai bambini nati a Crotone da genitori stranieri, previsto dal Regolamento comunale, si inserisce in questo percorso che pone i valori dell’accoglienza e della tutela della dignità personale come un obbligo morale che la comunità di Crotone persegue con spirito di fratellanza. Sono figli di questa città, figli di tutti noi”. Così il sindaco di Crotone Vincenzo Voce oggi in occasione del conferimento della cittadinanza simbolica a 12 bambini, tra i quattro e i sei anni, che frequentano le scuole dell’infanzia della città.

La città di Crotone – ha aggiunto – è stata tra le prime in Italia ad approvare un regolamento che riconoscesse pari dignità a chi è nato in territorio italiano pur da genitori stranieri ed ebbe il plauso dell’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano”. Voce ha voluto rinnovare questo sentimento della comunità di Crotone coinvolgendo il mondo della scuola e chiedendo ai dirigenti scolastici di segnalare al Comune i bambini che frequentano la scuola dell’infanzia. I bimbi hanno ricevuto l’attestato di cittadinanza simbolica accompagnato da una copia della Costituzione e dalla bandiera tricolore. Alla cerimonia hanno partecipato l’assessora alle Politiche sociali Filly Pollinzi, l’assessora alla Pubblica istruzione Rachele Via, dirigenti scolastici ed insegnanti e i genitori dei bambini che hanno ricevuto l’attestato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»