Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La variante Delta avanza, l’Emilia-Romagna sequenzia ogni tampone positivo

raffaele donini
L’assessore regionale alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini, spiega: “Sarà possibile fare una valutazione più approfondita sul suo reale impatto dalla prossima settimana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – In Emilia-Romagna da questa settimana l’operazione di sequenziamento per individuare eventuali varianti presenti viene effettuata su tutti i nuovi casi positivi Covid 19 registrati. Lo precisa l’assessore regionale alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini. “Abbiamo sempre fatto una attività di sequenziamento settimanale, casuale, sui casi positivi, secondo quanto previsto dalle indicazioni dell’Istituto superiore di sanità. Da questa settimana, invece, visto anche il numero ridotto di nuovi contagiati giornalieri, il sequenziamento viene ulteriormente incrementato e fatto su tutti i nuovi casi positivi registrati”.

Rispetto alla variante Delta, l’assessore sottolinea come “sarà possibile fare una valutazione più approfondita sul suo reale impatto dalla prossima settimana, dopo avere valutato almeno una serie settimanale di dati”. Ieri il direttore della Sanità pubblica dell’Ausl bolognese, Paolo Pandolfi, aveva stimato attorno al 20-25% la presenza della variante su Bologna.

LEGGI ANCHE: Covid, entro fine agosto il 90% delle infezioni in Europa sarà da variante Delta

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»