Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bianchi: “Stiamo lavorando per escludere la didattica a distanza da settembre”

patrizio bianchi
Il ministro dell'Istruzione spiega di avere in mente per il nuovo anno "una scuola in presenza che dia molta attenzione alla socialità". E sul pericolo varianti assicura: "Faremo una gestione assolutamente cauta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Il governo sta lavorando per escludere la didattica a distanza all’avvio del prossimo anno scolastico. Lo conferma a Firenze, a margine di un’iniziativa in una scuola primaria, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. “Stiamo lavorando per questo- dichiara rispondendo ai cronisti- per non trovarci nella situazione dell’anno scorso”.

L’idea del ministro è di usare tutti gli strumenti, “ma non in alternativa gli uni agli altri. Stiamo lavorando tutti per una scuola in presenza che dia molta attenzione alla socialità. I bambini hanno bisogno di tornare a trovarsi. Una scuola che però deve avere molta attenzione anche a quel recupero di tutte quelle che conoscenze che ovviamente in un anno così difficile sono state più carenti”. Sull’uso delle mascherine il ministro rimanda la questione al comitato tecnico-scientifico: “Dipende dal Cts– fa notare- è l’organismo che ha la responsabilità di darci le regole sanitarie ed è giusto che siano gli esperti a farlo. Noi ci adegueremo sulla base di quel principio di autonomia che regge le nostre scuole”.

Sull’organizzazione scolastica più in generale, ad esempio sulla scelta di adottare ingressi scaglionati, saranno pertanto i singoli istituti a decidere: “Dobbiamo avere fiducia nelle nostre scuole- spiega il ministro- sicuramente troveranno la soluzione migliore per la situazione specifica. Mi sembra difficile dettare da Roma come devono essere organizzate le scuole. Sono autonome dal 1997 ed è giusto che sia così”.

“AL LAVORO PERCHÉ CI SIANO TUTTI GLI INSEGNANTI IN CLASSE”

Stiamo lavorando perché ci siano tutti gli insegnanti in classe a settembre. È chiaro che sarà un anno particolare perché dopo due anni come abbiamo vissuto tutta la parte di recupero deve essere presa avendo tutto l’anno di fronte. Quindi è una cosa importante” spiega il ministro Bianchi, rispondendo a una domanda sull’assegnazione di tutte le cattedre entro l’inizio del nuovo anno scolastico. Sul piano di attività in corso il ministro, invece, aggiunge: “L’estate è importante, perché primo rimette insieme i ragazzi, permette di fare questa attività di una scuola aperta e poi le scuole hanno partecipato”.

In Toscana, evidenzia, “sono arrivati 29 milioni, quindi abbiamo messo risorse significative su questa operazione. Ed è un’operazione che sta dando grande soddisfazione perché esprime tutta la capacità di ritrovare il senso della scuola e il senso della comunità”.

“RISCHIO VARIANTI? NOI FAREMO UNA GESTIONE ASSOLUTAMENTE CAUTA”

Sul rischio della trasmissione delle varianti del Covid “sta lavorando il Cts. Noi faremo una gestione assolutamente cauta, prendendo in considerazione che ci possano essere questi rischi. Bisogna essere molto cauti, bisogna esserlo tutti”. È quanto dichiara il ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi, rispondendo a chi gli chiede se teme che l’effetto della diffusione di varianti più contagiose del Coronavirus possa mettere in difficoltà i piani del governo per la piena ripresa delle lezioni in presenza nel nuovo anno scolastico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»