VIDEO | La sabbia del Sahara arriva ai Caraibi: una nube avvolge Cuba

Secondo gli esperti si tratta di un fenomeno ciclico ma di intensità straordinaria, che al Covid aggiungerebbe ulteriori problemi respiratori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Repubblica Dominicana e Haiti, ma anche Cuba e oltre, fino alla costa orientale del Messico e alla Florida: sono le regioni raggiunte da una nube di polveri e sabbia che negli ultimi giorni dal Sahara africano ha raggiunto Caraibi e Nord America.

NON SUCCEDEVA DA CINQUANT’ANNI

Del fenomeno riferiscono quotidiani e portali di informazione di più Paesi. Cubadebate ha citato il metereologo Josè Rubiera, che ha detto di un fenomeno ciclico, con cadenza annuale ma che non si registrava con questa intensità da almeno mezzo secolo. Filmati nei quali si intravedono edifici offuscati da polveri e particelle in sospensione, di tonalità lattea o rosate per via del tramonto, sono stati diffusi dagli utenti dei social network.

Secondo l’emittente Bbc, una delle tante testate a dedicare servizi al fenomeno, le isole caraibiche di Guadalupe e di Martinica stanno vivendo i giorni di peggior foschia da almeno dieci anni. Medici citati dalla stampa cubana hanno anche messo in guardia dal rischio di un aumento delle patologie respiratorie, in una fase già segnata dalla pandemia del nuovo coronavirus. La nube, a un’altezza compresa tra i tre e i sette chilometri, si sta spostando verso ovest addentrandosi nel Golfo del Messico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»