In Egitto studenti promuovono consulenze social per ridurre divorzi

L'idea è quella di puntare sui social network per frenare il numero dei divorzi che aumenta ogni anno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In Egitto il numero di divorzi aumenta ogni anno, ma un gruppo di studenti e studentesse potrebbe aver trovato una soluzione per aiutare le coppie a non pentirsi del fatidico “sì”: sfruttando i social network e le nuove tecnologie, sei ragazzi – Abdelrahman Ali, Donya Hani, Lujain Sami, Nada Al-Khatib, Nepal Saleh, Ola Khalid – hanno lanciato una campagna dal nome ‘Abl El Bedaya’, ossia “prima di cominciare” in lingua araba.

L’iniziativa, che in realtà è nata come tesi di laurea in Integrated marketing communication (Imc) alla British University del Cairo, consiste nel fornire consulenza prematrimoniale, in particolare ai futuri marito e moglie di giovane età. Si parte quindi dai ventenni, ma si può aderire al progetto fino a 35 anni. L’Istituto di statistica egiziano riferisce che dal 1996 al 2017 il tasso di divorzi in Egitto è aumentato dell’83 per cento. La percentuale varia molto tra città e zone rurali, ma aumenta anche in modo significativo quando le nozze sono avvenute intorno ai 20 anni: per questo il gruppo di universitari ha deciso di concentrarsi sulle coppie più giovani.

Come spiegano sui propri canali social i responsabili del progetto, l’obiettivo è migliorare la comunicazione di coppia, in modo da sviluppare un rapporto più sano e in grado di superare in modo costruttivo le difficoltà, rivelando – e affrontando – debolezze e incomprensioni prima che possano diventare motivo di divorzio. Con ‘Abl El Bedaya’ si punta inoltre a creare consapevolezza su quelle che sono le sfide e i problemi che il matrimonio comporta. A seguire i fidanzati poi, ci pensano i professionisti dell’Heal Counseling Center del Cairo, che forniscono un percorso specifico per i fidanzati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»