Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Libia, Di Maio: “Accolte le richieste dell’Italia per il memorandum sui migranti”

luigi di maio
Il ministro degli Esteri: "Per tutelare meglio i diritti umani delle persone e regolare i flussi migratori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Il governo di accordo nazionale della Libia (Gna), ha “presentato una proposta di modifica del memorandum del 2017”, che va incontro alle richieste dell’Italia fatte “per tutelare meglio i diritti umani delle persone e regolare i flussi migratori”: lo scrive oggi su Facebook il ministro degli Esteri Luigi di Maio. Il titolare della Farnesina si è recato ieri nella capitale libica Tripoli per incontrare il primo ministro Fayez al-Sarraj, il ministro dell’Interno Fathi Bashagha e il ministro degli Esteri Mohammed El-Taher Hammuda Siala. Di Maio ha evidenziato che “lavorare intensamente per fermare la guerra in Libia significa quindi stabilizzare la regione, ma allo stesso tempo mettere al sicuro il nostro Paese, le nostre coste, i nostri cittadini”. Questo perché, ha scritto il ministro, “il conflitto in Libia, che ricordo essere vicina alle coste italiane, significa anche migranti che fuggono da una guerra e cercano riparo altrove. Tra questa gente che scappa molto spesso si nascondono anche terroristi“. Il ministro ha concluso affermando: “Stiamo andando verso la direzione giusta”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»